Papa Francesco: cooperazione internazionale per l’emergenza migrazioni

Pontefice: “lavoro schiavo è moneta corrente”

Papa Francesco nel messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato ha asserito: “la realtà delle migrazioni richiede il reciproco aiuto tra Paesi, con disponibilità e fiducia, senza sollevare barriere insormontabili”.
“E’ importante – ha aggiunto – la collaborazione ai vari livelli, con l’adozione corale degli strumenti normativi che tutelino e promuovano la persona umana”.
Altro tema affrontato dal Pontefice nel messaggio è quello della migrazione come “tratta delle persone” e di riduzione in schiavitù : il “lavoro schiavo oggi è moneta corrente, i migranti – ha detto – non sono pedine sullo scacchiere dell’umanità”, esortando quindi tutti i paesi ad una collaborazione internazionale per affrontare questa emergenza.
“Tale politica – ha affermato Francesco – va sviluppata a partire da una stretta collaborazione tra i Paesi da cui partono i migranti e i Paesi in cui arrivano; va accompagnata da adeguate normative internazionali in grado di armonizzare i diversi assetti legislativi, nella prospettiva di salvaguardare le esigenze e i diritti delle persone e delle famiglie emigrate e, al tempo stesso, quelli delle società di approdo degli stessi emigrati”. Insomma, nessun Paese può essere abbandonato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *