Palma crollata al centro di Napoli

Palma crollata in Corso Vittorio Emanuele, si sfiora nuovamente una tragedia, simile a quella avvenuto l’anno scorso in via Aniello Falcone, dove mori Cristina Alongi nella sua auto colpita da un enorme albero, ma non si interviene per la sua rimozione.

Pessime condizioni degli alberi e palma a Napoli

Episodi del genere continuano a ripetersi a Napoli forse a causa delle pessime condizioni e della mancata manutenzione in cui si ritrovano gli alberi e le palme napoletane. Ricordiamo altri episodi avvenuti ai Colli Aminei e Viale Kennedy 

Stavolta la palma crollata era in pieno centro, in vico Santa Maria della Neve, esattamente la salita che conduce dalla Torretta al corso Vittorio Emanuele. L’enorme palma crollata ha ceduto all’improvviso in piena notte e si è schiantata contro il balcone di un appartamento ubicato nel palazzo di fronte, rispetto al crollo. Fortunatamente nessuno è rimasto coinvolto dal crollo. Nessun ferito e conseguenze gravi per l’edificio coinvolto, ma il problema e che la palma non è stata ancora rimossa.

Nessun intervento per la rimozione della palma crollata

Le autorità dichiarano di non essere competenti alla rimozione in quanto la palma crollata si trova in una proprietà privata e, pertanto, partono i rimbalzi sulle responsabilità. L’area è stata transennata ed è rimasta così, con un’auto dei vigili urbani che segnala l’interruzione della strada sia nelle ore diurne che notturne. Un intervento di messa in sicurezza ma non risolutivo. 

Le proteste dei residenti

I residenti, arrabbiati oltre modo, naturalmente hanno chiesto l’intervento ma, come accennato, la risposta è stata a lorro dire assurda. ” Ci hanno detto che si tratta di una proprietà privata e che quindi il Comune e la Municipalità non possono fare nulla. E invece bisogna correre subito ai ripari perché ci sono evidenti problemi di ordine pubblico. Altrimenti saremo costretti a scendere in piazza per denunciare lo stato di abbandono in cui ci troviamo “