Padre-mostro: violentava il figlio per poi venderlo ai pedofili su internet

Padre-mostro: violentava il figlio per poi venderlo ai pedofili su internet

Violentava il figlio da più di un anno per poi venderlo ai pedofili sui siti web. Arrestato padre-mostro della periferia di Napoli

Da più di un anno violentava il figlio di soli undici anni, mettendolo poi in vendita su siti web, dove letteralmente lo offriva ai pedofili.

Una storia di violenza, abusi, pedofilia, una storia reale che ha dell’assurdo. Una storia, quella del piccolo bambino di 11 anni che mette i brividi, quella riferita oggi su Il Mattino da Paolo Barbuto. 

 

Violentava il figlio, l’arresto del padre-mostro

 

La vicenda, spiega il giornalista, è accaduta in un quartiere della periferia di Napoli. Il padre-mostro è ora in galera, nel carcere di Poggioreale, grazie a un gruppo di agenti del nucleo tutela minori della polizia municipale, sotto la guida del capitano Sabina Pagnano.

Uno dei vigili, con un falso profilo web, ha finto di essere interessato al piccolo “offerto” su internet ed è riuscito a ottenere il suo numero di telefono. Così è scattata la trappola per incastrare il pedofilo, dopo aver seguito i suoi movimenti per più di un mese.

L’uomo, al momento dell’arresto, ha confessato subito. Il piccolo abusato ha tentato, in un primo momento, di proteggere il suo papà, per poi crollare e raccontare tutto il dramma vissuto. Per quanto riguarda la madre, si è detta estranea ai fatti e, scoperto l’accaduto, è svenuta davanti alle forze dell’ordine.

Le indagini, volte a fare luce su un’intera rete di pedofili, erano partite alcune settimane fa con l’esplorazione di alcune chat presenti sul web. In questo modo, gli agenti sono entrati in contatto con l’uomo che offriva, anche attraverso moltissime immagini del piccolo in posizioni oscene, prestazioni sessuali del figlio undicenne.