Obesità infantile e merendine: i consumi scendono al Sud, bassi livelli di sovrappeso al Nord

Obesità infantile e merendine: i consumi scendono al Sud, bassi livelli di sovrappeso al Nord

Obesità infantile e merendine: i consumi scendono al Sud, bassi livelli di sovrappeso al Nord.analisi realizzata dal sito www.merendineitaliane.it

Si mangiano più merendine al nord, area con la più alta percentuale di bambini (e adulti) normopeso. I consumi scendono al Sud, dove paradossalmente assistiamo ai più alti tassi di sovrappeso e obesità. È quanto emerge incrociando i dati IRI sui consumi di prodotti da forno con i livelli di sovrappeso e obesità nel Paese. Scopriamo che nel Nord d’Italia si toccano i consumi più alti di merendine (2,2 kg pro capite annui) e i più bassi livelli di sovrappeso e obesità infantile (24,7%). Mentre al Sud avviene l’inverso: la somma di obesità e sovrappeso infantili arrivano al 37,8% e i consumi di merendine scendono a 1,6 kg pro capite annui.

 

Obesità infantile e merendine: in aree dove se ne consumano di più bambini sono normopeso

Se guardiamo i dati sullo sport degli oltre 2,2 milioni di bambini tra i 6 e i 10 anni che praticano uno sport o fanno attività fisica (Istat), la maggiore concentrazione si trova nelle regioni con bambini più magri e in salute e dove il consumo di merendine è più alto. Al contrario, dove i bambini sono più sovrappeso si registrano i livelli più bassi di pratica sportiva e di abitudine al movimento. Ma anche i consumi di merendine più bassi. Basta vedere questi 3 numeri: nel Nord – sempre secondo i dati Istat – fa movimento o sport il 70% del campione, mentre nel Sud e nelle Isole si crolla, addirittura, al 45%.