“Nuovi scenari per il 2020: Sanità, Università e Territorio”, all’Hotel Royal il dibattito promosso dal Rotary Club Napoli

Si terrà oggi, martedì 28 gennaio 2020, l’incontro promosso dal Rotary Club Napoli, che analizzerà temi quali la fine del commissariamento della Sanità in Campania, il rinnovo dei vertici della Federico II e le prossime elezioni regionali.

Si terrà oggi, martedì 28 gennaio 2020, l’incontro promosso dal Rotary Club Napoli, che analizzerà temi quali la fine del commissariamento della Sanità in Campania, il rinnovo dei vertici della Federico II e le prossime elezioni regionali.

La fine del commissariamento della Sanità per la Regione Campania, il prossimo rinnovo dei vertici accademici della Federico II, la più grande università della Campania, e le prossime elezioni del Presidente e del Consiglio Regionale sono temi che aprono nuovi ed interessanti scenari per il futuro del nostro territorio. Su tale quadro, di grande attualità e prospettiva, il Rotary Club Napoli ha promosso un incontro-dibattito, che avrà luogo martedì 28 gennaio alle 18.30, a Napoli, presso la sala Partenope dell’hotel Royal.

 

Nuovi scenari per il 2020: Sanità, Università e Territorio, il dibattito presso la sala Partenope dell’hotel Royal

Sul tema “Nuovi scenari per il 2020: Sanità, Università e Territorio” si confronteranno il dott. Silvestro Scotti, Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, il prof. Luigi Califano, Presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Napoli “Federico II”, il dott. Enrico Coscioni, Consigliere per la Sanità del Presidente della Regione Campania ed il prof. Massimo Franco, docente del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Napoli Federico II e Governatore eletto del Distretto 2100 Rotary International.

L’incontro, preliminare alla serata conviviale del Club, organizzato dalla Commissione Sanità presieduta dal prof. Luca Ramaglia, rappresenta un’importante occasione di analisi ed approfondimento per programmare le attività di servizio in grado di contribuire al miglioramento degli standard organizzativi e gestionali per la nostra formazione universitaria e per la nostra assistenza sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *