Croce Rossa nega un pasto a disoccupato, perché senza certificato

Non ha il certificato: la Croce Rossa gli nega il pasto

L’uomo, napoletano, ma trasferitosi a Belluno con la moglie 15 anni fa, è senza lavoro da 5 racconta la sua umiliante esperienza con la Croce Rossa

Un ex dipendente della Metalba a Belluno, senza lavoro da 5 anni, dopo aver fatto la fila per un pasto presso la Croce Rossa, si è visto porre un secco rifiuto perchè senza il certificato per ottenerlo. A riportare l’agghiacciante storia è Il Giornale, cui l’uomo, di Napoli, ma trasferitosi a Belluno da tempo, che ha preferito rimanere anonimo, ha raccontato la sua storia.

 

L’umiliazione dell’uomo, napoletano trapiantato a Belluno da 15 anni, al no della Croce Rossa

“Mi sono sentito umiliato le persone davanti a me erano per lo più straniere e io, italiano, non ho ricevuto nulla. Mi è stato detto che devo passare per i servizi sociali del Comune, d’accordo, ma io l’appuntamento l’ho ottenuto tra quindici giorni mentre la fame e il bisogno li avevo mercoledì. Infine l’amara confessione: “Cercano sempre persone più giovani. O chiedono titoli anche per i lavori più semplici. Io e mia moglie siamo di Napoli, ci siamo trasferiti a Belluno undici anni fa per trovare lavoro, ma ormai è difficile ottenere un impiego anche qui”.