Napoli, ecco il veleno di Gattuso: “Deluso da De Laurentiis”

Il tecnico azzurro contro il presidente accusato di aver contattato altri allenatori per la panchina dei partenopei

Rino Gattuso attacca dopo il successo sofferto sul Parma. Dice subito di aver molto apprezzato il modo con il quale i suoi giocatori hanno condotto la gara, ricorda a tutti che da mesi la sua squadra dispone del solo Petagna in attacco e infine chiarisce il suo pensiero sul momento difficile che lui stesso sta vivendo, riservando bordate, sia pure senza mai citare nessuno in maniera specifica, ai tifosi, alla stampa e perfino a De Laurentiis.

“Non avevo dubbi sulla reazione della squadra – esordisce – Quando ci siamo messi a 5 in difesa abbiamo fatto bene. E’ chiaro che dobbiamo migliorare. Forse con un solo attaccante di ruolo potevamo fare di più. C’è solo Petagna”.

“Qua – aggiunge l’allenatore calabrese – sto prendendo schiaffi a destra e a manca tutti i giorni. Sembra che siamo penultimi in classifica. Siccome si smanetta tanto, io non leggo nulla. Magari perdo con l’Atalanta e a Genova e sono di nuovo in discussione, non si può lavorare così”.

“Questa tarantella è iniziata da un mese e mezzo. Sento dire che sono un maleducato, che sono incapace, che sto morendo e non posso più allenare. Io non sono legato ai contratti, ma alle mie emozioni. Credo nel lavoro, io sono fatto così. Mi sento a mio agio quando sono a Castel Volturno coi miei giocatori. Non mi sento a mio agio con quello che sta succedendo, l’aria che si respira non mi piace”.

Sul suo rapporto con il presidente De Laurentiis, Gattuso chiarisce: “Non mi ha fatto mai mancare nulla, gli ho chiesto Bakayoko e l’ha preso. Mi chiedete se sono rimasto deluso per le voci di altri allenatori contattati? Questa cosa è stata gestita male. Perché io non mi sono permesso, anche se non ho firmato, di andare – e qualche squadra mi ha chiamato – e di sedermi a un tavolino. Ho fatto la persona corretta, ho allenato e non sono andato da nessuna parte, c’era qualche appuntamento e non mi sono presentato, ho fatto la persona corretta come penso di essere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *