Napoli: una strada o una piazza per i Martiri di Cefalonia

Napoli: una strada o una piazza per i Martiri di Cefalonia

Martiri di Cefalonia e Corfù: il Comitato Valori collinare chiede al Sindaco di dedicare loro una piazza o una strada nella città di Napoli.

Oggi 25 parile ricorre il 70esimo anniversario della ‘Liberazione’ dal governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e dall’occupazione nazista, durante la seconda guerra mondiale, periodo storico che ricordiamo sopratutto per il folle piano tedesco di sterminare un intera razza, gli ebrei. Ma ovviamente durante la seconda guerra mondiale, per colpa dei tedeschi, a morire non furono solo gli ebrei, ma anche sopratutto nostri connazionali. E tra i tanti eroi che hanno sacrificato la propria vita per la ‘Liberazione’ ricordiamo i Martiri di Cefalonia e Corfù. E proprio nel loro ricordo che Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, ha rinnovato al sindaco di Napoli, in occasione delll’Anniversario della liberazione d’Italia, la proposta di dedicare una piazza o una strada ai martiri di Cefalonia e Corfù.

Martiri di Cefalonia e Corfù, una piazza nel loro ricordo

Di seguito il comunicato stampa rivolto a Luigi De Magistris: “In occasione della festa del 25 aprile rilancio la proposta, già fatta in passato, d’intitolare una piazza o una strada principale di Napoli ai Martiri di Cefalonia e Corfù, ai 12mila soldati ed ufficiali italiani che, nel lontano e sanguinoso settembre 1943, decisero di resistere all’assalto tedesco, perdendo in molti di loro la vita in battaglia”.

“Anni addietro grazie al personale interessamento dell’allora Capo dello Stato, Ciampi, che ne fece esplicita menzione nel discorso pronunciato in ricordo della battaglia di Porta San Paolo, in quello che egli stesso definì il “viaggio della memoria”, l’eccidio di Cefalonia, dove fu decimata la divisione Acqui, è stato rimosso dall’oblio in cui era stato lasciato cadere per diversi decenni. In tempi più recenti, presenti i reparti della neo-ricostruita Acqui di S. Giorgio a Cremano e le maggiori autorità cittadine, nel Maschio Angioino è stata anche scoperta una lapide che ricorda il sacrificio dei soldati caduti”.

“Da ricordare anche il discorso pronunciato proprio a Cefalonia dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il 25 aprile 2007, in occasione del 62° anniversario della liberazione, nel quale il presidente, ‘raccogliendo l’ispirazione del mio predecessore Carlo Azelio Ciampi’, rese nuovamente omaggio ai combattenti ed ai caduti della divisione Acqui affermando tra l’altro: ‘Ma non c’è polemica storiografica o pubblicistica, non c’è disputa sulle cifre o sulle persone, che possa oscurare l’eroismo e il martirio delle migliaia di militari italiani che scelsero di battersi, caddero in combattimento, furono barbaramente trucidati – soldati, ufficiali, generale Comandante – dopo la sconfitta e la resa, o portati alla morte in mare, o deportati in Germania. Una simile somma di sacrifici non potrà essere mai dimenticata dall’Italia, non potrà che riceverne sempre il commosso omaggio'”.

“Confido che tale richiesta possa essere condivisa anche dalle famiglie, oggi riunite nell’associazione nazionale divisione Acqui, dei numerosi martiri napoletani che si immolarono per la patria nelle isole Ionie – conclude Capodanno -. Credo che sia il minimo che si possa fare in onore di questi italiani che, con il loro sacrificio, conferirono onore e lustro imperituro alla nostra nazione”.