napoli teatro festival

Napoli Teatro Festival, venerdì 9 giugno: Raccogliere e Bruciare!

Liberamente ispirato alla Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters testo, ideazione scenica e regia Enzo Moscato con Giuseppe Affinito, Massimo Andrei, Benedetto Casillo, Salvatore Chiantone, Gino Curcione, Enza Di Blasio, Carlo Di Maio, Caterina Di Matteo, Cristina Donadio, Tina Femiano, Gino Grossi, Carlo Guitto, Amelia Longobardi, Ivana Maione, Vincenza Modica, Rita Montes, Anita Mosca, Enzo Moscato, Francesco Moscato, Imma Villa e con la partecipazione di Oscar e Isabel Guitto, Isabella Mosca Lamounier, Lucia Celi, Rosa Davide…

installazioni Mimmo Paladino

luci Cesare Accetta

musiche originali di scena Enza Di Blasio

ricerche musicali Teresa Di Monaco

costumi Daniela Salernitano

trucco Vincenzo Cucchiara

assistente alla regia Angelo Laurino

organizzazione Claudio Affinito

coproduzione Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia, Compagnia Teatrale Enzo MoscatoCasa del Contemporaneo

www.napoliteatrofestival.it

Info

Teatro Galleria Toledo Napoli – Materiali Contemporanei

9, 10, 11 giugno

ore 21.00

durata 1h e 40m

______________________________________________________

Enzo Moscato dirige per questa edizione del Festival un testo a cui da anni lavora:

«Portare sulla scena, dopo averla imbrattata qua e là di lingua e di suoni napoletani, l’incredibile Antologia di Spoon River, capolavoro di Edgar Lee Masters è sempre stato un mio obiettivo. Ho cominciato a provarci sulla carta all’inizio del biennio 1994/95, mentre scrivevo e progettavo il testo-spettacolo Co’stell’azioni, lavorando di traduzione su piccoli brani e procedendo con grandissima cautela.

Perché, si sa, quella di dare in altra lingua le parole, le emozioni, i suoni, i sensi di una diversa civiltà o etnia, lasciandone inalterata la verità profonda è un’operazione delicata e di responsabilità. […]

Di conseguenza, ci son voluti da parte mia un paio di decenni e molte prove di lavoro di scrittura traduttoria del testo poetico americano, per decidermi a darne finalmente una possibile versione scenica partenopea, in ottanta frammenti, scelti accuratamente all’interno dei 263 frames complessivi di cui si compone l’originale di Lee Masters».

L’evento è realizzato nell’ambito della X ed. del Napoli Teatro Festival Italia. Progetto cofinanziato dall’Unione Europea, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania, nell’ambito del POC Campania FESR 2014-2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *