Napoli, stagione finita per Rafael: rottura del legamento crociato

Più grave del previsto l’infortunio rimediato ieri dal portiere brasiliano Rafael: per lui stagione finita, data la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro

 

L’infortunio ieri in Inghilterra

Un fulmine a ciel sereno in casa Napoli. Rafael, una promessa tra i pali classe 1990, comprato per essere il titolare del futuro immediato, dopo una fenomenale prestazione nel primo tempo della partita di ieri con lo Swansea City ha fatto un falso movimento atterrando dopo una parata e ha cominciato ad accusare forte dolore al ginocchio. Nella ripresa ha giocato al suo posto Reina, autore anche lui di ottime parate.

Gli esami di oggi

Visitato oggi a Villa Stuart dal professor Mariani, gli è stata diagnosticata la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro: il giocatore verrà operato a breve dallo stesso Mariani e dovrà stare fermo tra i 4 e i 6 mesi, dunque lo rivedremo in campo direttamente la prossima stagione.
Il giocatore sul suo profilo Twitter già ieri in serata aveva fatto capire che ci fosse qualcosa di grave, d’altronde dopo l’infortunio era rimasto fino alla fine della frazione sperando di farcela, ma il dolore glielo ha impedito.

La situazione attuale tra i pali

Un duro colpo per il Napoli che si ritrova ora solo con Pepe Reina, anche lui però spesso ai box, e Roberto Colombo, trentottenne in forza al Napoli come terzo portiere dal 2011, ma senza aver totalizzato mai neanche una presenza. Probabile allora che si peschi qualcuno dal mercato degli svincolati, ma per ora nessuna notizia certa dalla società azzurra, colta alla sprovvista.

Troppi infortuni

Rispetto alle stagioni precedenti, quelle della gestione Mazzarri, dove gli infortuni erano rari, quest’anno la squadra partenopea perde spesso pezzi pregiati se si pensa ai casi di Mesto e Zuniga (ancora non recuperati), ma anche alle lunghe assenze nei mesi scorsi di Behrami, Higuain e Reina.
Senza però piangersi addosso si guarda già alla sfida di lunedì contro il Genoa.

21 febbraio 2014