Napoli-Spezia, sei agenti feriti

È di una persona arrestata e sei agenti di polizia feriti il bilancio finale degli scontri che hanno preceduto l’ottavo di finale di Tim Cup Napoli-Spezia

È di una persona arrestata e sei agenti di polizia feriti il bilancio finale degli scontri, a via Terracina, nel quartiere Fuorigrotta, che hanno preceduto l’ottavo di finale di Coppa Italia Napoli-Spezia giocato ieri sera al San Paolo. Giosuè Caiazzo, di 29 anni, incensurato, è stato arrestato dalla polizia per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale (sarà giudicato oggi con rito direttissimo).

 

Gli incidenti sono avvenuti prima di Napoli-Spezia

I sei agenti della polizia sono stati medicati in ospedale per escoriazioni, ma nessuno ha riportato ferite gravi. Gli agenti hanno anche sequestrato mazze, pietre e fumogeni, diversi dei quali sono stati lanciati dai supporter del Napoli contro gli autobus dei tifosi dello Spezia e contro la polizia. Il sindacato della Polizia municipale di Napoli riferisce anche di “un vile attacco da parte di pseudo tifosi” che hanno arrecato “un notevole danno – si legge in una nota – a una autovettura del Corpo, e nessun evidente danno alle persone, ma è evidente che occorre porre un freno a tutto ciò, e garantire una maggiore tutela agli operatori di Polizia Locale in servizio”.