Napoli ricorda Silvia Ruotolo. De Magistris: "Dolore diventi energia per liberarsi della camorra"

Napoli ricorda Silvia Ruotolo. De Magistris: “Questa città sta reagendo, c’è un popolo in cammino”

Cerimonia in piazza Medaglie d’Oro, a Napoli, nel giorno del 19° anniversario della morte di Silvia Ruotolo, vittima innocente della criminalità organizzata

Cerimonia ieri in piazza Medaglie d’Oro, a Napoli, nel giorno del 19esimo anniversario della morte di Silvia Ruotolo, vittima innocente della criminalità organizzata. Alla presenza del marito Lorenzo Clemente e dei figli Alessandra, già assessore alle Politiche giovanili della Giunta di Luigi de Magistris, seconda candidata più votata al Consiglio Comunale alle ultime elezioni, e Francesco, è stata deposta una corona nei giardini della piazza intitolati proprio alla memoria di Silvia Ruotolo.

 

Luigi de Magistris ricorda Silvia Ruotolo: “Dolore diventi energia per liberarsi della camorra”

“Il dolore dei familiari delle vittime innocenti – ha detto de Magistris durante la cerimonia – deve diventare energia per liberare ogni centimetro della città dalla presenza oppressiva della camorra e del crimine. Questa città sta reagendo – ha aggiunto – ed è stanca degli omicidi, si vuole liberare e oggi può farlo perché ci sono tante associazioni impegnate, c’è un popolo in cammino”. Presenti, alla cerimonia, anche il padre di Genny Cesarano il ragazzo ucciso per errore alla Sanità nel settembre 2015 e i genitori di Maikol, ucciso a Forcella lo scorso autunno. (Ansa).