Napoli, primo giorno da nuovo arcivescovo di don Mimmo Battaglia

Giornata di insediamento nell’Arcidiocesi di Napoli per don Mimmo Battaglia, nuovo arcivescovo della città.

Giornata di insediamento nell’Arcidiocesi di Napoli per don Mimmo Battaglia, nuovo arcivescovo della città. In mattinata il monsignore ha visitato e pregato con le monache di clausura Sacramentine presso la chiesa di San Giuseppe dei Ruffi, nel centro storico del capoluogo campano. “Un momento fondamentale, con il quale ha voluto affidare il suo ministero e la Chiesa di Napoli alla preghiera delle religiose, nella consapevolezza che l’origine e la fonte di ogni azione missionaria della Chiesa è nell’incontro con l’amore sorgivo di Dio, da cui tutto nasce e a cui tutto conduce”, si legge sulla pagina Facebook della Chiesa di Napoli.

Don Mimmo si è poi recato presso la stazione della Metro di Piscinola, dove ha salutato la famiglia Della Corte che, con un progetto di solidarietà, ha trasformato un’area limitrofa a quella in cui è avvenuta l’uccisione del padre e marito, Franco, in un parco giochi per bambini. “È la storia di una vittima innocente, che rappresenta il mondo di chi è oppresso dalla violenza, dalla criminalità, dalla devianza”, si legge sui social.

Il monsignore ha pranzato, nei pressi della Stazione Centrale, al Binario della Solidarietà, una realtà della Caritas Diocesana del capoluogo partenopeo che, grazie alla collaborazione delle suore della Carità si occupa dei senza dimora accompagnandoli in un percorso di reinserimento sociale, fatto di dignità, autonomia e integrazione.

Nel corso della mattinata, don Mimmo ha incontrato numerose persone, espressione delle tante realtà difficili della città ed è anche andato nel quartiere San Giovanni a Teduccio presso l’associazione Figli in famiglia dove ha avuto modo di conoscere una bambina che, “condividendo con tanti suoi coetanei la fatica di crescere in un territorio ferito e periferico, rappresenta per la comunità diocesana e per l’intera città un appello a farsi carico della speranza e dei sogni dei più piccoli, attraverso un’attenzione costante alle problematiche educative e sociali”, si legge nelle pagine social della Chiesa di Napoli.

Alle ore 17, in cattedrale, la celebrazione della santa Messa di inizio ministero pastorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *