Napoli, lite per viabilità, accoltellato per difendere il padre

Napoli, lite per viabilità, accoltellato per difendere il padre, ricoverato in pericolo di vita. La polizia alla ricerca degli aggressori

Napoli, lite per viabilità, accoltellato per difendere il padre

Un giovane di 26 anni è in fin di vita a Napoli; è stato accoltellato da un altro giovane mentre difendeva il padre durante una lite per questioni di viabilità. Da una prima ricostruzione, la vittima stava parcheggiando la macchina in Via Cedronio, nella zona dei Quartieri Spagnoli. Mentre la mamma usciva dalla macchina, un motorino a tutta velocità è sfrecciato proprio a pochi centimetri dalla donna, rischiando di investirla. Il padre del giovane ha urlato e inveito nei confronti del giovane che guidava il motorino.

Coltellata all’addome, coinvolti gli organi interni

Ma purtroppo non è finita in uno scambio di insulti. Dopo qualche minuto, il giovane alla guida del motorino, si è presentato con alti tre amici e ha iniziato a litigare con il padre e il figlio, intervenuto per difenderlo, ha subito una coltellata all’addome. Ora la vittima è ricoverata all’ospedale Vecchio Pellegrini, in prognosi riservata ed in pericolo di vita.  Sembra infatti che la ferita abbia coinvolto gli organi interni e quindi la situazione è delicatissima.

Ancora un atto di brutale violenza a Napoli

Il commissariato San Ferdinando e la Squadra Mobile della Questura di Napoli stanno indagando sulla vicenda. In particolare si stanno esaminando tutte le telecamere della zona per cercare di risalire ai brutali aggressori. Ancora una volta, per futili motivi, si deve registrare un gravissimo episodio di violenza nel cuore della città di Napoli. In alcune zone si continua a salire sul motorino senza casco, in due, in tre e perfino in quattro, e si circola senza alcun rispetto delle più elementari regole del codice stradale. Una donna stava per essere investita e per giunta si è vista accoltellare un figlio dopo pochi minuti. Impressionante anche la rabbia di questi giovinastri, che non si sono persi l’occasione di una lite, sebbene si trattasse di una famiglia e non hanno esitato a sferrare una coltellata all’addome, quindi con l’intenzione di uccidere.