Napoli Lazio 5-0, spettacolare prima vittoria in campionato

Convince ancora il 4-3-3: due gol di Higuain assieme alle reti di Allan, Insigne e Gabbiadini asfaltano la Lazio e rilanciano le ambizioni del Napoli

Convince ancora il 4-3-3: due gol di Higuain assieme alle reti di Allan, Insigne e Gabbiadini asfaltano la Lazio e rilanciano le ambizioni del Napoli.

Ancora un inizio stellare

La Lazio arriva al San Paolo mutilata di alcuni dei suoi uomini chiave come Biglia e Klose, il Napoli ringalluzzito dalla vittoria in Europa League, da cui mister Sarri riprende il 4-3-3, schierando Insigne e Callejon larghi alle spalle di Higuain. Confermato, ancora una volta, Jorginho davanti alla difesa. L’inizio della partita è frenetico: le squadre si affrontano a viso aperto e a beneficiarne è il pubblico, che resta al di sotto degli standard soliti di presenze. Primo squillo al 4° minuto: Insigne pesca Higuain che riesce a toccare senza però indirizzare. Botta e risposta: Basta riesce ad arrivare sul fondo e a crossare rasoterra, solo l’imprecisione di Keitah evita lo svantaggio del Napoli, che sul riversamento di fronte sfiore di nuovo il gol, stavolta con tiro di Jorginho da fuori area.

Vantaggio Higuain

Al 13° arriva il vantaggio: Higuain si fa perdonare il mezzo errore precedente con un gol di pregevole fattura: Hoedt è il palo per la sua ubriacante lap dance, Marchetti non può che ammirarla e tenere la mancia per sé. Il Napoli si impone come padrone del campo: al di fuori dell’azione di Keitah nei minuti iniziali, nella prima mezz’ora gli ospiti non si fanno vedere dalle parti di Reina. Al 33° il raddoppio: Insigne vede Allan davanti alla porta prima che chiunque altro se ne renda conto, per il numero 5 è un gioco da ragazzi insaccare di piatto destro. Si tratta senza dubbio del primo tempo migliore di questo avvio di stagione per il Napoli, che limita al massimo le disattenzioni in fase d’impostazione e trova nell’ampiezza degli attaccanti il giusto cavallo di troia per le incursioni dei centrocampis

Niente disattenzioni, stavolta

A chi temesse un altro inizio di secondo tempo sulla falsariga di quello contro la Sampdoria, il Napoli risponde portandosi repentinamente sul 3-0. Higuain fa tutto, si libera di due difensori in dribbling ma si fa ipnotizzare da Marchetti che respinge la sua conclusione: fortuna per il Napoli che c’è Lorenzo Insigne, al secondo gol di fila dopo Empoli, a respingere in porta. Il Pipita è incontenibile: al 60° firma addirittura il 4-0, lasciando per terra Onazi e infilando il portiere con un potente diagonale di destro. La sostituzione del 65° vede avvicendarsi Higuain e Gabbiadini, con l’argentino che esce fra i meritati applausi del pubblico. Che arrivano 15′ dopo anche per Manolo: Allan lo serve in profondità, il suo sinistro agisce in automatico e lascia di stucco Marchetti con un pallonetto. Il Napoli si porta a 5 punti, abbandonando le zone basse e rilanciandosi in vista della trasferta con il Carpi.