Napoli, Insigne: “Il ritiro non è punitivo. A Milano ho sbagliato”

L’attaccante azzurro, in conferenza stampa alla presentazione del calendario ufficiale del club, torna sull’espulsione del Meazza contro l’Inter: “Un capitano non lascia la squadra in 10”

“Mi auguro che sia l`anno giusto per tutti, per la Nazionale ora c`è tempo, bisogna pensare al Napoli e alla prossima partita. Speriamo che sia l`anno buono per dare soddisfazioni ai tifosi”. Così Lorenzo Insigne in conferenza stampa alla presentazione del calendario ufficiale del Napoli.

“Sono rimasto malissimo di quanto è accaduto a Milano – prosegue – soprattutto perché ho lasciato la squadra in 10 e un capitano non deve farlo. Anche ieri avevamo gli uomini contati e c`erano anche gli infortunati. Ora guardiamo avanti cercando di fare i tre punti dopo queste sconfitte anche se con l`Inter non lo meritavamo. Ho giocato in tanti Napoli forti, ci sta qualche gara sottotono, penso che però ora abbiamo la rosa più forte degli altri anni. Le assenze si fanno sentire, ma non devono essere un alibi. Il risultato di ieri non è dovuto a questo, se la squadra fosse stata bene fisicamente o mentalmente si poteva vincere anche così”.

Mercoledì il Napoli affronta il Torino: “Ora ci aspetta una partita importante, il Torino verrà qui agguerrito ma ci faremo trovare pronti, siamo il Napoli. Eravamo stanchi ieri, con l`Inter abbiamo speso tanto e quando hai partite così importanti e ravvicinate poi mancano le energie. La gara era stata preparata come le altre, con attenzione. Dispiace, anche perché la Lazio ha soltanto concretizzato due occasioni”. Infine una considerazione sul ritiro: “Non è un ritiro punitivo, è solo per ritrovare concentrazione e affrontare al meglio la prossima partita. Abbiamo deciso tutti insieme, tanto poi avremo tempo per stare con le famiglie, dopotutto è soltanto un giorno in più di ritiro: ci aiuterà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *