Napoli-Genoa, la partita degli ex

Un gemellaggio oltre che di tifoserie … anche di giocatori! Tanti gli ex in Napoli-Genoa, posticipo della venticinquesima giornata del campionato di calcio di Serie A 2013/2014

Un posticipo con tanti ex

Andrà in scena alle 20,45 al San Paolo il posticipo della venticinquesima giornata di Serie A che vedrà sfidarsi il Napoli di Benitez e il Genoa di Gasperini, sempre ottimi i rapporti tra i due presidenti: Aurelio De Laurentiis e Enrico Preziosi, quest’ultimo a un passo dal rilevare il Napoli dopo il fallimento nel 2004. Oltre le questioni di classifica e di società, questa sarà una sfida anche con tantissimi ex: nel Genoa sono quattro i giocatori che hanno vestito la maglia azzurra, nel Napoli due calciatori hanno giocato col Grifone

Giandomenico Mesto

La maggior parte sono transitati recentemente da una parte all’altra: nell’estate del 2012 il Napoli acquistò Giandomenico Mesto per volere di Mazzarri che lo aveva avuto nella “Reggina dei miracoli”: l’esterno era uno dei veterani del Genoa, e infatti pianse il famoso 22 aprile 2012 nello sfilarsi la maglia sotto le richieste degli ultras dopo aver bloccato la partita col Siena. Infortunato da diversi mesi, non è ancora tra i convocati.

Gamberini e Calaiò

Hanno invece percorso la strada opposta Alessandro Gamberini ed Emanuele Calaiò, molto amici a Napoli e rimasti tali anche a Genova: entrambi sono in prestito dalla società di De Laurentiis, il primo è in scadenza col Napoli mentre sull’ Arciere, che concluderebbe il suo contratto col Napoli nel 2015, Preziosi può esercitare il diritto di riscatto. La punta si è detta molto emozionata del suo ennesimo ritorno in una città dove ha giocato dal 2004 al 2008, trascinatore della squadra dalla C alla A, e poi di nuovo dal gennaio al giugno 2013 per ricoprire il ruolo di vice-Cavani.

Matuzalem

Tra i titolari della squadra ospite stasera al San Paolo, altre due vecchie conoscenze per tutti quei tifosi napoletani che sostenevano la squadra anche negli anni bui pre-fallimento: Francelino Matuzalem, centrocampista in forza al Napoli tra il 1999 e il 2001 e l’attuale capitano del Genoa, Daniele Portanova, all’ombra del Vesuvio Napoli nella stagione 2003-2004.

 

Daniele Portanova

Quest’ultimo è ricordato anche dai tifosi di memoria più recente per aver segnato allo stadio San Paolo da capitano del Bologna il 2-3 finale, che sancì la sconfitta del Napoli contro il Bologna il 16 dicembre 2012: da lì cominciò un periodo in discesa per il Napoli con la condanna della FIGC per Cannavaro e Grava per calcioscommesse due giorni dopo (18 dicembre) e la seconda sconfitta casalinga consecutiva sempre col Bologna in seguito alla quale la squadra di Mazzarri, detentrice del trofeo, uscì dalla Coppa Italia.

Valon Behrami

Anche il “guerriero” svizzero della squadra di Benitez ha un passato con la maglia del Genoa: pochi sanno che ha iniziato la sua esperienza italiana proprio col Genoa nel 2003-2004 prima di diventare famoso con Lazio e Fiorentina, dalla quale è poi passato al Napoli.
Alcuni in campo, altri in panchina, altri non della partita, ma in ogni caso il match sembra molto sentito anche dai giocatori.

24 febbraio 2014