Ieri, ma sopratutto oggi e domani segna sempre Cavani. Poker dell’uruguagio al Dnipro

Cavani cala il poker

Cavani 4 – Dnipro 2. Napoli con quattro gol del Matador rientra in Europa League.

Primo poker di Cavani a Napoli

Serata emozionante e vibrante al San Paolo. Cavani annienta il Dnipro nell’arco dei 90 minuti regolamentari. Il Matador sfodera dal cilindro quattro perle e consente al Napoli di portarsi al secondo posto nel girone. L’uragano uruguaiano si abbatte sugli ucraini e li travolge in modo imperioso. “Segnare mi fa star bene“, ha dichiarato a fine gara il protagonista indiscusso dell’ incontro. Come non credergli!

Tifosi in visibilio e in delirio per le prodezze dell’attaccante azzurro. Straripante davvero Edison: un fiume in piena che ha devastato gli argini. Un tornado distruttivo che si è dispiegato sui malcapitati avversari di turno. Dopo 7 minuti di gioco una verticalizzazione di Dzemaili serve il numero 7 partenopeo che non tradisce: 1-0. Al 33’ Fedetskiy sfrutta un’incertezza dei padroni di casa su calcio d’angolo: 1-1.

Ad inizio ripresa Vargas perde palla a centrocampo. Zozulya trafigge in diagonale Rosati non impeccabile: 1-2. Mazzarri decide di sostituire Donadel, il cileno e Aronica. Subentrano Hamsik, Insigne e Pandev. È un Napoli a vocazione anteriore. Si dispiega così il potenziale offensivo dei padroni di casa, che non ci stanno a soccombere. Il 2-2 è siglato su punizione da 25 metri con palla all’incrocio. Sul tabellino l’uomo di Salto. Un tacco di Insigne ed Hamsik permettono al nazionale celeste di chiudere di piatto l’azione: è il 3-2. Napoli in vantaggio e risultato ribaltato.

A coronare una prestazione già brillante arriva il quarto gol dal limite del solito Matador. Un 4-2 che risolleva il morale e rilancia le ambizioni europee della squadra di Mazzarri. A impreziosire un risultato a dir poco entusiasmante provvede l’Aik Solna, che batte il Psv. Alle sei triplette e le tredici doppiette si aggiunge un poker d’assi che illumina la notte di Fuorigrotta. Quattro lampi di genio o – se volete – quattro tuoni.

8 novembre 2012: una data memorabile. E Cavani ne sa qualcosa.

Diego Scarpitti

Da segnale in tribuna stampa Road Tv Italia e Federico Tv. Puoi vedere il commento della partita e le immagini del match su RDTV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *