MSC Crociere: ecco come si viaggia lavorando (VIDEO)

MSC Crociere, un viaggio con un’amica, inizia con un regalo la prima giornata di navigazione della vacanza con mare forza otto.

Non soffrendo il mal di mare, ma godendo di quel dondolio, ritrovarsi tra i pochissimi, che girano per i ponti, alla scoperta di una nave immensa, in tranquillità ed assaporando il sole sul ponte, cogliere i “compiti” di chi lavora su di una nave da crociera.
Tra una chiacchiera ed un caffè, una sauna, un po di palestra e tante escursioni, facendo poche, ma belle, amicizie italiane e tante estere, ritrovarsi a trasformare una splendida vacanza in un viaggio d’informazione e curiosità.
Complice la telecamera ed il microfono sempre nello zaino.
Come si vive da croceristi e come vive chi, delle crociere ne ha fatto il proprio lavoro.
Un primo, informale incontro con il Comandante Giacomo Romano, ischitano DOC, che dopo solo 12 ore grazie alla celerità di Alessandro Di Costanzo Guest Relations Manager ed a Gianfranco Sampiero Hotel Manager della MSC Opera, ci comunica che la Società MSC Crociere, ci autorizza, dalla sede legale di Ginevra, ad effettuare interviste e riprese.
Ed è così che ci ritroviamo a riprendere e conoscere un quotidiano che apparentemente è uguale, ma che varia da settimana in settimana per le svariate migliaia di persone che tutto l’anno decidono di affidare a navi ammiraglie di compagnie di navigazione le proprie vacanze.
Migliaia di persone di nazionalità diverse con esigenze diverse.

Una nave, la MSC Opera, 59,058 tonnellate per una lunghezza di mt. 251,80 ed un’altezza di mt 54 .
Per un totale di 2199 passeggeri. Circa 800 tra personale ammiraglio e entourage per tutti i servizi per gli ospiti della nave.
Una piccola città galleggiante che offre tutto ciò che può occorrere affinché la vacanza sia perfetta ed indimenticabile.
In 13 giorni in giro per capitali baltiche ed Inghilterra abbiamo potuto vivere in l’essere croceristi, ma anche appreso cosa significa vivere da membro di un’equipaggio ed accogliere le svariate esigenze degli ospiti. Cosa significa essere per mare, essere con la famiglia o senza, o talvolta non avere connessione con il pc, o avere difficoltà anche solo a fare una telefonata, o a vedere una partita di calcio.
Un viaggio nel viaggio, alla scoperta di persone che vivono il mare per lavoro. Ai rapporti umani, alle amicizie. Ai loro desideri, alle realizzazioni, ed ai sogni.
Ed anche se, con questo lavoro, si ha la possibilità di vedere il mondo c’è sempre la tristezza e il desiderio di ritornare nel proprio porto, nella propria casa e dalla famiglia.
Si ringrazia per la realizzazione di questi filmati la MSC Crociere, che autorizzandoci, ci ha permesso di vivere doppiamente una crociera
Al personale della MSC Opera, la nave sulla quale si è viaggiati, in primis nella persona del Comandante Giacomo Romano, dell’Hotel Manager Gianfranco Sampiero , del Guest Relations Manager Alessandro Di Costanzo, della Tour Manager Giovanna Gargiulo, della Cruiser Consultant Tramona James, del Metrè Francesco De Gregorio e dell’assistente Metré Eduardo Aversa, della Responsabile Congerge Daniela Nugnes, del responsabile Teatro e spettacoli Massimo Cannoletta, e le responsabili del ricevimento Elisabetta Trovo, Eleonora Sorrentino, Tonia Esposito.
Con loro, tutti gli altri, tutti i camerieri, i cuochi, gli addetti alla pulizia, gli addetti alla sala macchine, ai barman, agli attori, i ballerini, i medici, i fotografi ed anche chi non abbiamo visto che ogni giorno, lo rendono unico per chi va in crociera.