E’ morto Luciano Gaucci, nel 2004 la serata dell’Orgoglio partenopeo per diventare presidente del Napoli

Scomparso a 81 anni, nell’estate 2004, fu il promotore di una campagna per diventare il presidente del club.

E’ morto all’età di 81 anni Luciano Gaucci, storico presidente del Perugia. Si è spento ieri a Santo Domingo, dove ha trascorso gli ultimi anni della sua vita. Genio e sregolatezza del calcio italiano Luciano Gaucci è stato presidente del Perugia dal 1991 al 1999, portando il Grifone dove non era mai arrivato nella sua storia. L’inizio del suo successo è l’emblema del personaggio Gaucci, che chiamò la sua ditta di pulizie ‘la milanese’ pur essendo romano, perché affermò che altrimenti al nord non lo avrebbero mai fatto lavorare. Portò il Perugia dalla serie C alla A, lancinado giocatori che poi avrebbero fatto la storia come Marco Materazzi. Anche campioni esotici, come Nakata, che poi avrebbe vinto lo scudetto con la Roma. Fu proprietario anche di Viterbese, Catania e Sambenedettese.

Fu a un passo dall’acquistare il Napoli con il Tribunale che gli preferì De Laurentiis. Presentò un progetto, ma il no della Covisoc non glielo permise, spianando la strada all’attuale presidente nell’estate 2004. Della quale, però, resta impressa nella memoria di tutti i sostenitori azzurri, la serata del 26 luglio, quella dell’Orgoglio partenopeo. Una manifestazione che vide protagonisti 40mila tifosi del Napoli riunirsi al San Paolo, per credere alla speranza di poter evitare lo spettro del fallimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *