intervento al cuore

Morì dopo Tso: sette medici iscritti nel registro degli indagati

Morì dopo Tso: sette medici iscritti nel registro degli indagati per la morte di Massimiliano Malzone, deceduto a seguito di un arresto cardio-circolatorio

Sono sette i medici iscritti a vario titolo nel registro degli indagati dalla Procura di Lagonegro (Potenza) per la morte di Massimiliano Malzone, 39 anni di Eboli (Salerno), deceduto l’8 giugno 2015 a seguito di un arresto cardio-circolatorio mentre era ricoverato nel reparto del Servizio Psichiatrico di diagnosi e cura dell’ospedale di Sant’Arsenio (Salerno) per un trattamento sanitario obbligatorio.

 

Morì dopo Tso: concorso ed omissione in omicidio colposo

Il fascicolo, aperto a seguito del sequestro della cartella clinica da parte dei carabinieri di Sala Consilina (Salerno), è per concorso ed omissione in omicidio colposo occorso in ambito sanitario. Ad essere raggiunti dall’informazione di garanzia sono medici, tutti in servizio presso il nosocomio di Sant’Arsenio. I sette medici, secondo l’accusa, avrebbero tenuto comportamenti negligenti ed imprudenti nonché omissivi del monitoraggio, durante il trattamento farmacologico neurolettico, del profilo cardiologico del paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *