Mika a Napoli per il concerto della Nutella, ma la Soprintendenza darà l’ok?

Grande fermento per l’arrivo del cantante in città. L’esibizione è prevista per il 18 maggio in occasione del 50esimo anniversario della Nutella. Per coronare il sogno manca solo il via libera di Cozzolino

“Sono molto contento di annunciare il mio primo concerto italiano a Napoli”. Così Mika ha annunciato ai suoi fans, in un post su Facebook, il suo imminente arrivo nella capitale del Sud per il concerto in occasione dei festeggiamenti per i 50 anni della Nutella che si terrà il prossimo 18 maggio a piazza del Plebiscito.

Ma… il concerto si terrà? A chiederselo sono in molti, o forse solo i più scettici, quelli che conoscono i precedenti episodi di un rapporto che da sempre è molto controverso: quello tra il Comune di Napoli guidato dall’amministrazione De Magistris, sempre favorevole e a caccia di grandi eventi che diano lustro alla città, e il Soprintendente Cozzolino, che in materia di permessi per concerti e eventi ha più volte dimostrato di avere la mano tirata.

Grande attesa per il via libera della Soprintendenza, ma Cozzolino tace ancora

Il Comune ci sta lavorando da mesi, ma dalla Soprintendenza non c’è ancora il via libera definitivo. Nei mesi scorsi era stato raggiunto un accordo di massima sull’evento, ma ancora niente è certo e definitivo, tranne un aspetto che per il Comune ha molti interessanti risvolti: per il fitto della piazza la Ferrero, che da tempo ha scelto Napoli come palcoscenico dell’evento, sarebbe disposta a “sganciare” ben 50mila euro, e a restaurare le statue equestri poste al centro della piazza. A occuparsi della trattativa l’assessore Carmine Piscopo, coadiuvato da Claudio De Magistris, fratello del sindaco con delega ai Grandi Eventi.

Un evento che darebbe immenso lustro alla città di Napoli, confermando e premiando gli sforzi che l’amministrazione De Magistris, tra mille polemiche, sta facendo per rilanciare l’immagine della città a livello internazionale. Ma da palazzo Reale, sede della Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici, ancora tutto tace. E ai piani alti inizia a serpeggiare la paura di un veto. Un “no” che “danneggerebbe il lavoro da tempo in atto per attrarre eventi di carattere internazionale, che non solo rilanciano la città ma creano un positivo indotto economico-commerciale” fanno sapere dagli uffici del Comune. Nell’attesa dell’ok della Soprintendenza, il maxi-concerto targato Nutella, a cui parteciperanno insieme a Mika numerosi altri artisti nazionali, e che arriverà a conclusione di un’intera giornata di eventi, promette davvero di lasciare tutti con il fiato sospeso.