Matteo Renzi: visita a sorpresa a Scampia

L’attuale Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha fatto una visita a sorpresa in una scuola elementare di Scampia. Buon segno di cambiamento o semplice manovra elettorale?

Questa mattina, poco dopo le 9, il Premier Matteo Renzi si è recato a sorpresa nella scuola elementare Giuseppe Parini in Via Fossa del Lupo a Secondigliano. A quanto pare, in pochi sapevano della visita, ai genitori è stato solo detto in questi giorni di vestire bene i bimbi per la foto di classe. E invece a quanto pare dovevano incontrare il Presidente del Consiglio.

“Chi sono io? Qual è il mio ruolo?

È questa la prima domanda che Renzi ha rivolto ai giovanissimi studenti del Parini durante una breve lezione di educazione civica in cui ha mostrato la Costituzione. “Quando verrete a Roma, vi farò vedere il Palazzo dove si governa” ha, poi, aggiunto. Il Presidente è stato in seguito sommerso di domande dai parte dei bambini che hanno insistito soprattutto sull’esigenza di avere una palestra dignitosa nella loro scuola, poiché al momento è inagibile.

Un’accoglienza tra fischi e applausi

Renzi, accompagnato da alcune guardi e del corpo e dal Ministro del lavoro Giuliano Poletti e Graziano Delrio, è stato accolto questa mattina tra gli applausi ma non è mancata qualche contestazione; alcuni manifestanti in protesta hanno mostrato al Presidente un volantino relativo alla Linea 1 della metropolitana di Napoli con lavori ancora in corso. Appena arrivato nel Quartiere di Secondigliano Renzi ha twittato: “A Napoli, Secondigliano, dentro le scuole. La lotta alla camorra parte da qui!“.

L’incontro con le mamme

Il Premier si è poi rivolto alle mamme dei bambini che l’hanno accolto con grande calore focalizzando l’attenzione sul disagio delle deiezioni canine che abbondano al di fuori dell’istituto scolastico: “Ci deve essere chi pulisce, ma è importante anche che i cittadini non lascino sporche le strade.

Matteo Renzi, dopo l’incontro con i bambini, i genitori e gli insegnanti, si è recato poi in Prefettura dove si incontrerà con i sindaci per l’utilizzo dei fondi strutturali.