Matrimonio alla Reggia di Caserta, Felicori: “l’incasso usato per fini culturali”

Matrimonio alla Reggia Caserta per cui sono stati pagati alla Direzione circa 30 mila euro. Il direttore Felicori: “L’incasso sarà usato per fini culturali”

Un matrimonio da mille e una notte nella Reggia di Caserta ha acceso polemiche sull’uso a fini commerciali del monumento provocando la reazione, divertita e ironica, del direttore Mauro Felicori, che sulla sua pagina facebook ha postato un fotomontaggio in cui viene raffigurato come il boss delle cerimonie, Antonio Polese, deceduto qualche mese fa, famoso per il docu-reality trasmesso da Real Time.

 

Matrimonio alla Reggia di Caserta: pagati alla Direzione 30 mila euro

L’evento da favola alla Reggia vanvitelliana, con 250 invitati; a convolare a nozze è stata Angela Ammaturo, ad del marchio di moda Frankie Morello, che dopo la cerimonia religiosa tenuta a Napoli nella basilica di San Francesco di Paola, in piazza Plebiscito, in cui Andrea Bocelli ha cantato l’Ave Maria, si è poi spostata con il neo-marito Francesco e con l’ampia comitiva a Caserta presso il Palazzo Reale patrimonio dell’Unesco, per il cui uso esclusivo, seppure per una sola serata, sono stati pagati alla Direzione circa 30 mila euro. “Quanto incassato verrà usato per fini culturali” spiega Felicori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *