Mario Coppeto ci racconta la sua quarantena e ci parla di sanità e di politica ai tempi del coronavirus (Video)

Mario Coppeto dopo 17 giorni viene dimesso dall’Ospedale Cotugno di Napoli. Lo scorso 17 marzo Coppeto aveva annunciato sulla sua pagina di essere risultato positivo al Coronavirus.

Coppeto, capogruppo di Napoli in Comune a Sinistra, era stato ricoverato il 20 marzo al Cotugno, in seguito all’aggravarsi delle sue condizioni di salute e durante la quarantena ha utilizzato i social per dare aggiornamenti sulla sua situazione

Mario Coppeto aveva voluto comunicare sin da subito la notizia del suo contagio, per tutelare tutti coloro che aveva incrociato ma ora che è guarito ci racconta la sua malattia e le sue sensazioni.

Con lui abbiamo parlato di politica, delle decisioni centrali del governo e sulla necessità di ritornare ad una sanità centralizzata, di politica comunale e della bontà della sanità napoletana, con le sue eccellenze, riconosciute non solo ora ma da sempre.

Come cambieremo dopo la pandemia e cosa farà quando tutto sarà finito

Mario Coppeto. La sua malattia e le decisioni politiche in questo periodo di emrgenza

Mario Coppeto aveva voluto comunicare subito la notizia del suo contagio, per tutelare tutti coloro che aveva incrociato ma ora che è guarito ci racconta la sua malattia e le sue sensazioni.Con lui abbiamo parlato di politica, delle decisioni centrali del governo e sulla necessità di ritornare ad una sanità centralizzata, di politica comunale e della bontà della sanità napoletana, con le sue eccellenze, riconosciute non solo ora ma da sempre.Come cambieremo dopo la pandemia e cosa farà quando tutto sarà finito.

Pubblicato da Road Tv Italia su Lunedì 6 aprile 2020

Tocilizumab; ci spiega il suo impatto sui pazienti il Prof. Montesarchio (Video)

Effetti positivi del Tocilizumab e il rispetto verso gli operatori sanitari (Video)

Tocilizumab effetti e polemiche, ne parliamo con il Prof. Montesarchi (Video)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *