Maria De Filippi sulla Terra dei Fuochi: “da italiana mi vergogno”

L’avvelenamento campano sbarca in tv a “Tu si que vales” grazie a un Pulcinella di Acerra. Ecco il commento di Maria De Filippi sulla Terra dei Fuochi

La Terra dei Fuochi arriva in tv, nello show di punta di Canale 5, Tu si que vales, il programma condotto da Belen e Rodriguez e Francesco Sole in onda il sabato in prima serata. Ad avere il coraggio di parlarne in tv sono due giovani talenti di Acerra, uno dei comuni colpiti da quello che i media hanno ribattezzato come “il più grande avvelenamento di massa dei tempi moderni”.

Il Duo a Colori di Acerra porta in tv la Terra dei Fuochi

Sono Alfonso Pannella e Marcantonio Abbate, due talenti del Sud membri del “Duo a Colori” che ieri sera hanno “debuttato” sulla rete ammiraglia di Mediaset con una esibizione sulla Terra dei Fuochi: sulle note della chitarra di Marcantonio Abbate, Alfonso Pannella si è cimentato nell’interpretazione di un originale Pulcinella nato e cresciuto nella Terra dei Fuochi e “avvelenato” dai rifiuti.

“Questa è la guerra di Acerra, dove gente analfabeta ha occultato i veleni”: è una delle frasi pronunciata nel suo monologo da Alfonso, studente 18enne originario del comune in provincia di Napoli, che ha colpito la giuria, sia popolare che artistica. L’84% della giuria popolare ha votato a favore dei due giovani.

Maria De Filippi sulla Terra dei Fuochi. Ecco cosa ha detto:

Gli hanno fatto eco i giudici, in particolare Maria De Filippi, che ha commentato con parole dure il disastro della Terra dei Fuochi:

“Da italiana mi sento in difetto per quello che è successo ad Acerra: mi vergogno che succedano in Italia cose del genere. Non voglio, in questo caso, usare delle parole finte. Vi hanno riempito”. 

Anche Gerry Scotti, altro membro della giuria tecnica, ha espresso una opinione forte, ringraziando i ragazzi di Acerra per il contributo apportato alla trasmissione: “grazie di averci scelto per diffondere messaggi così importanti” ha detto il celebre conduttore tv. Poi ha proseguito: “Questa è la forza delle donne, mamme, e dei giovani che hanno deciso di gridare contro i politici e trafficanti”.

Ieri la mobilitazione per la Terra dei Fuochi a Napoli

Donne e giovani, ma non solo. Proprio ieri la mobilitazione per la Terra dei Fuochi ha visto sfilare per le strade partenopee oltre 5mila persone, scese in piazza per sollecitare un intervento delle autorità nella Terra dei Fuochi. Qui il video della manifestazione.