Mappatella Beach: bagnanti al mare tra mucchi di rifiuti galleggianti, degrado e cattivo odore

Questi giorni di roventi polemiche seguite alla morte del povero Ivano hanno portato alle luci della ribalta la spiaggia libera più amata – e odiata – dai napoletani. Mappatella Beach si è scoperta essere così allo stesso tempo luogo di delizie e di mestizie per i napoletani che, in mancanza di una valida alternativa, sono soliti fare qui il bagno.

La calura estiva, infatti, nonostante il tempo altalenante non da tregua. I cittadini che non possono permettersi una imbarcazione per bagnarsi al largo o una casa di villeggiatura si trovano così a dover scegliere tra il fare il bagno sul lungomare o sfidare il gran caldo in casa. Mappatella Beach è una delle pochissime aree libere dove fare il bagno e se, da un lato, il comune ha previsto l’installazione di fontane e bagni chimici per dare un minimo di comfort ai tanti napoletani che quotidianamente affollano la spiaggetta, dall’altro gravi carenze si registrano in merito alla pulizia della spiaggia e all’inquinamento del mare.

In questi giorni una grande quantità di bottiglie di plastica, assorbenti e ogni genere di rifiuto galleggiante rende quasi impossibile fare il bagno. L’inquinamento dell’area di Mappatella Beach è stato più volte denunciato da Francesco Emilio Borrelli dei Verdi. Gli appelli sono rimasti, però, lettera morta e intanto centinaia di napoletani continuano a fare il bagno nell’immondizia.

10568718_10203271734651566_1616849626_n 10572803_10203271735691592_1793122580_n 10524476_10203271735891597_165385775_n 10589111_10203271734571564_1727972437_n 10582339_10203271734291557_840040672_n 10582289_10203271735371584_476903872_n 10568025_10203271735651591_1101481014_n 10580556_10203271734331558_1524945382_n 10589951_10203271734531563_138882592_n 10589911_10203271734411560_48969452_n 10564935_10203271734371559_847254180_n 10588558_10203271735851596_563858923_n 10566221_10203271735931598_1626050534_n