Manifestazione popolare per dire NO alla discarica del Castagnaro

Servizio a cura di Giuseppe Chierchia e di Davide Esposito


Un successo incredibile – Una grandiosa manifestazione popolare per dire NO! alla discarica del Castagnaro – Il Commissario Vardé, Cesaro e Caldoro revochino la scelta del Castagnaro il Prefetto annulli la riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica del 15.


Oggi 20000 persone hanno partecipato ad una grandiosa manifestazione per dire NO alla discarica del Castagnaro.

Un corteo lungo 5 chilometri che partito da Piazza S. Maria di Quarto ha raggiunto Pozzuoli, prima la cava del Castagnaro alla Montagna spaccata e poi via Campana. Una manifestazione organizzata in un giorno con scarse risorse e molta buona volontà, un successo   incredibile.

In mattinata tutte le campane della forania di Quarto, su disposizione del vescovo Mons. Pascarella, hanno suonato per il lutto cittadino proclamato dall’amministrazione comunale di Quarto per ricordare la morte del nostro ambiente in seguito alla decisione di realizzare la discarica al Castagnaro.

Nel corteo tantissime persone, una presenza di massa e trasversale, senza distinzioni politiche, con il Sindaco di Quarto con la sua fascia tricolore, tutti i consiglieri comunali, politici di varie provenienza  e amministratori provenienti da tutta la regione, tutti i sacerdoti della forania di Quarto  e rappresentanze di gruppi e comitati che lottano su tutto il territorio regionale per difendere  il diritto alla salute e all’ambiente e contro una gestione scellerata dei rifiuti.


Dopo questa grande manifestazione il Presidente della Provincia, Cesaro, il Presidente della Regione, Caldoro, e il Commissario Vardè stralcino immediatamente la cava del Castagnaro dai siti destinati a discarica prendendo atto di quanto già hanno affermato il governo, accogliendo la raccomandazione proposta al senato, il consiglio regionale all’unanimità, le amministrazioni e i consigli comunali dell’area flegrea, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il consiglio comunale di Napoli all’unanimità, il presidente del Parco dei campi flegrei e tanti tantissimi politici ed esponenti della società civile di ogni schieramento politico.

Dopo questa grandiosa manifestazione il Prefetto di Napoli non si renda complice del Commissario Vardé, e di chi si nasconde dietro di lui, di chi si ostina in scelte sbagliate e già bocciate dalla comunità scientifica, dalle istituzioni , dalla società civile, da tutti gli amministratori locali e da tutta la chiesa della diocesi di Pozzuoli. Il Prefetto mostri il suo senso di responsabilità e annulli immediatamente il comitato per l’ordine e per la sicurezza pubblica convocato il 15marzo per disporre l’uso della forza pubblica per realizzare il folle progetto della discarica al Castagnaro. Il Prefetto usi la forza pubblica per garantire i diritti dei cittadini e non per eseguire scelte sbagliate e in contrasto proprio con la tutela dei diritti dei cittadini.

La nostra battaglia di civiltà e a tutela della salute di tutti gli abitanti dell’area flegrea comunque non si fermerà.

Quarto – Pozzuoli, 13 marzo 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *