L'Organizzazione Azione contro la Fame porta a Napoli '5 chef per 5 portate'

L’Organizzazione Azione contro la Fame porta a Napoli ‘5 chef per 5 portate’

Il 13 dicembre l’Organizzazione internazionale Azione contro la Fame porta a Napoli una nuova iniziativa di solidarietà: ‘5 chef per 5 Portate’

L’Organizzazione umanitaria internazionale Azione contro la Fame porta a Napoli una nuova importante iniziativa di solidarietà: ‘5 chef per 5 Portate‘. Dopo le serate a Milano e Roma, martedì 13 dicembre sarà Napoli con il Grand Hotel Parker’s ad ospitare la cena di beneficenza per la raccolta di fondi da devolvere alla lotta contro le cause e le conseguenze della fame. La cena solidale, in collaborazione con l’Associazione Professionale Cuochi Italiani, vedrà cinque affermati esponenti del mondo della gastronomia nazionale, alternarsi nelle cucine dello storico hotel al Corso Vittorio Emanuele per la preparazione di cinque pietanze.

Questi i nomi: Vincenzo Bacioterracino, Giuseppe Di Iorio, Paolo Gramaglia, Pasquale Palamaro, Salvatore De Riso. “Siamo lieti di ospitare – commenta Antonio Maiorino, direttore del Grand Hotel Parker’s – un’iniziativa così importante e contribuire alla mission di Azione contro la Fame Speriamo che questa serata non resti solo una goccia ma che spinga altri chef e strutture come la nostra a prodigarsi per il raggiungimento di importanti obbiettivi“.

 

Azione contro la Fame: “Una realtà al giorno d’oggi inaccettabile”

Con lui anche Simone Garroni, direttore di Azione contro la Fame Italia: “Queste cene avvicinano sempre di più il mondo degli amanti del cibo a una realtà che al giorno d’oggi è inaccettabile. Ancora oggi più di 3 milioni di bambini muoiono a causa della malnutrizione ma, grazie anche a iniziative di sensibilizzazione come questa, insieme possiamo costruire un mondo libero dalla fame“.

L’intero ricavato della cena sarà devoluto a sostegno dei progetti che Azione contro la Fame realizza in 47 Paesi del mondo. Ad accompagnare le cinque portate preparate dagli chef ci saranno i vini dell’azienda vinicola campana Villa Matilde, da sempre attenta alle iniziative di solidarietà e di raccolta fondi per le minoranze a rischio. A supporto della serata anche Ferrarelle e Metro Italia.