ordine dei medici

L’Ordine dei Medici ha un nuovo look: ecco il progetto firmato Gnosis

Il nuovo look moderno, arioso e luminoso per la sede napoletana dell’Ordine dei Medici è firmato da Gnosis Progetti. Un restyling che assume i connotati di una rinascita, di una vita che riprende a splendere dopo una malattia.

«L’Ordine dei Medici di Napoli meritava uno spazio che lo rappresentasse degnamente, occorreva realizzare un auditorium nel quale ospitare corsi di formazione, votazioni, consigli, eventi e conferenze stampa. Necessitava di un luogo di raccolta e accoglienza degli iscritti e del mondo esterno», così parlano del progetto i professionisti dello studio Gnosis Progetti, Antonio De Martino, socio fondatore insieme a Francesco Buonfantino, Rossella Traversari ed Enrico Lanzillo.

Com’è la nuova sede dell’Ordine dei Medici

La rivoluzione più significativa sta nelle pareti mobili che possono dividere la grande sala di 230 posti a sedere in due più piccole, con un elevato grado di isolamento acustico tra le due, così da poter dare luogo a più eventi in contemporanea.

Grande attenzione è stata data anche agli impianti di climatizzazione e illuminazione, così da assicurare tutti i comfort ai fruitori della sede.

Anche il Foyer ha subito significativi cambiamenti, atti a valorizzare un ambiente già molto bello. I preesistenti lucernai circolari sono stati chiusi e resi più moderni grazie ad un sistema di illuminazione centrale al Led.

«Per realizzare l’opera ci siamo ispirati al serpente simbolo di guarigione e di conoscenza medica – continua Antonio De Martino – il veleno del serpente come cura ed il bastone alato di Esculapio sono i simboli della medicina stessa, quindi della possibilità di vivere, rinascere salvandosi dalle malattie. Il serpente si materializza in un corpo illuminante sinuoso che si intreccia nel controsoffitto dell’auditorium, intorno alla sequenza dei pilastri centrali. Gli stessi sono uniti dal binario (che rappresenta il bastone) su cui scorrono le pareti mobili. Infine una sequenza di velette degradanti disegnano nel controsoffitto le pagine del libro presenti nel logo. La parte alta della sala diventa quindi il luogo in cui si materializza, attraverso segni materici e di luce, il logo dell’ordine dei medici».

Ecco il nuovo look dell’Ordine dei Medici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *