Livorno-Parma, sensazioni alla vigilia

Il Parma a Livorno per agganciare il treno Europa.

di Nicola Rossi

Livorno – Parma una partita di certo particolare. “Due cuori e una capanna”, verrebbe quasi da dire, per Donadoni e Lucarelli che ritrovano stadio e tifosi tanto amati nel recente passato. Per il primo, nato a Cisano Bergamasco, i motivi sono del tutto professionali in quanto ha allenato la compagine amaranto due volte (2002-2003 e 2005-2006) portandolo ad essere uno degli allenatori più talentuosi in circolazione. Per Lucarelli, invece, i motivi sono soprattutto di cuore essendo Livorno sua città natale.

Il Parma si presenta a questa sfida non al 100% a fronte della squadra di Nicola che sembra essere al completo. Donadoni deve valutare bene le condizioni di alcuni giocatori ma sembra confermare il 4-3-3 che ha portato al bel gioco ed a punti importanti. La questione che tutti si chiedono, però, è se Cassano giocherà dall’inizio o sarà costretto a guardare i compagni dalla panchina come successo nel giorno dell’Epifania contro il Torino. Il mister crociato, nella conferenza di oggi, è stato molto vago non lasciando trapelare niente sulle sue decisioni; insomma, il dubbio “Cassano si, Cassano no” verrà svelato solo allo scoccare delle 18 di domani.

Il Livorno, dal canto suo, viene da ben 3 ko di fila e la panchina dell’allenatore amaranto traballa sempre più. Quasi una sorta di “the last chance” per il tecnico amaranto che in caso di sconfitta si avvicinerebbero le ombre dell’esonero. Il destino di Nicola passa, pertanto, attraverso la tecnica di Luci ed il fiuto del gol di Paulinho.

Il Parma, pertanto, è favorito. Tre punti significherebbero scavalcare il Torino e portarsi a quota 26 e sempre più a ridosso di quel sogno chiamato Europa. Per il Livorno ci sarà sicuramente la voglia di dimostrare quanto questa squadra vale cercando di allontanare i pensieri cupi ed uggiosi di una possibile retrocessione.

Tra ricordi, gioie e qualche momento strappalacrime, si spera di vederne delle belle.

 

10 gennaio 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *