Lite in famiglia: vuole vendere la barca, figlio picchia il padre

Lite in famiglia: vuole vendere la barca, figlio picchia il padre

Lite in famiglia: il padre vuole vendere la barca, il figlio lo picchia con colpi di bottiglie e piatti. In manette 48enne per lesioni personali gravissime

Si oppone alla decisione del padre di vendere la barca ferendo gravemente il genitore con colpi di bottiglie e piatti: è successo ieri sera a Sorrento (Napoli) dove la Polizia ha arrestato un uomo di 48 anni con le accuse di minaccia aggravata e lesioni personali gravissime.

 

Lite in famiglia: in manette 48enne per lesioni personali gravissime

La furibonda lite è scoppiata in serata, tra le mura domestiche, durante la cena: la vittima, che ha 82 anni, è stata colpita più volte dal figlio – in presenza della madre – con qualunque cosa gli capitasse tra le mani. Alla fine ha anche impugnato un coltello da macellaio con il quale ha minacciato di morte il padre. Malgrado le ferite l’uomo si è messo in auto, per recarsi in ospedale, ma è stato raggiunto dal figlio che ha preso a calci e pugni la vettura e, infine, rotto il parabrezza con una pietra. Il 48enne è stato preso dalla Ps nell’abitazione. Sequestrato il coltello, lungo 28 centimetri. La vittima è ricoverata in prognosi riservata in un ospedale di Napoli. (ANSA).