L’intrinseca pericolosità dei calzini. Arrestato lo “storico” venditore ambulante dell’Antignano: la rabbia dei cittadini

Perseguito come un pericoloso criminale. Invece è solo un venditore ambulante. Rabbia al mercatino dell’Antignano. I cittadini si schierano in difesa del venditore di calzini

Accerchiato e trattato come un pericoloso criminale. Triste sorte quella toccata questa mattina allo storico venditore ambulante di calzini del celebre mercato dell’Antignano, nel quartiere Vomero. L’uomo è stato bloccato da alcuni agenti della Polizia Municipale, che gli hanno sequestrato la merce, innocui calzini, arrestandolo con l’accusa di vendita senza licenza.

Immediata la reazione degli avventori del mercato, che si sono scagliati contro gli agenti. “Vende i calzini, lascialo stare” grida un uomo, come a voler sottolineare il fatto che la polizia, invece di occuparsi dei “veri” malviventi, perda tempo a perseguire piccoli crimini. Un cospicuo capannello si è radunato intorno all’ambulante per offrirgli solidarietà. Sono immagini che la dicono lunga sulla fiducia che i cittadini nutrono nei confronti delle forze dell’ordine. Un’acredine, quella nei confronti delle forze armate, accresciuta dai recenti episodi di cronaca, che hanno visto la morte del 17enne Davide Bifolco per mano di un carabiniere. A guardare queste immagini sembra proprio che la città abbia dichiarato guerra alle forze dell’ordine. Un’opinione espressa anche da Antonio Marfella in questo articolo.