Legge Concorrenza, taglio ai risarcimenti stradali

Legge Concorrenza, taglio ai risarcimenti stradali

Con l’approvazione della Legge Concorrenza il governo metterà in atto forti tagli ai risarcimenti stradali. Le compagnie di risparmiare gongolano.

Venerdì 20 febbraio – Il Governo ha approvato il disegno di legge Concorrenza, dando una grossa mano alle compagnie assicurative che risparmieranno milioni in virtù del forte taglio ai risarcimenti stradali. Il risparmio si aggirerebbe intorno al 40% per i danni lievi e fino a 400/500 mila euro per i casi più gravi. Inoltre, sui danni più lievi, è stato eliminato il danno morale e l’articolo 139 non reciterà più “danno biologico per lesioni di lieve entità”, ma “danno non patrimoniale per lesioni di lieve entità”. Facendo degli esempi concreti, d’ora in poi per un punto di invalidità il risarcimento previsto è di 674,78 euro e non più di 795,91 euro, in pratica il vostro corpo vale di meno, ben il 15,21% in meno.

Legge Concorrenza. art. 138 “Danno non patrimoniale per lesioni di non lieve entità”

Stando alle future nuove tabelle, approvate dal disegno di legge Concorrenza, anche i danni di non lieve entità ricomprenderanno i danni morali, il nuovo titolo dell’articolo 138 diventerà infatti “danno non patrimoniale per lesioni di non lieve entità”. Inoltre, i danni temporanei di grave entità saranno equiparati ai danni di lieve entità, in entrambi i casi il risarcimento giornaliero sarà pari a 39,37 euro al giorno. Insomma, gli unici a sorridere pare siano proprio le compagnie assicurative.