Le turbe non hanno fine: il Giappone carica batterie anti-missile Patriot e la Corea del Nord lascia a casa 53.000 operai

di Maria Stella Rossi – Dopo l’annuncio di un quarto esperimento nucleare da parte della Corea del Nord, il Giappone si prepara a fronteggiare ogni possibilità, caricando batterie anti-missile Patriot nei pressi del ministero della Difesa e in altre aree strategiche di Tokyo nell’evenienza di un attacco il 10 aprile, data di scadenza dell’ultimatum di evacuazione dato da Pyongyang alle ambasciate presenti sul territorio nordcoreano.

Il governo sta compiendo ogni sforzo per proteggere i giapponesi e garantire sicurezza al Paese” queste le parole del premier giapponese Shinzo Abe, aggiungendo anche che “il Giappone farà quello che c’è bisogno di fare con calma, collaborando con gli alleati”. Le parole del premier non si sono di certo fermate qui: Abe ha esortato la comunità internazionale a prendere nuovi e decisivi provvedimenti contro la Corea del Nord in virtù delle ultime risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU in merito al terzo test nucleare del 12 febbraio.

Le tensioni tuttavia sembrano non placarsi nemmeno sul piano interno della penisola nordcoreana. Il governo infatti ha proibito ai 53.000 operai dell’area di Kaesong di presentarsi al lavoro nelle fabbriche sudcoreane installate sulla piccola striscia di territorio che da anni le due Coree dividono. La decisione che Pyongyang si è detta di dover prendere è se lasciare la zona industriale aperta o chiuderla del tutto, ma tale mossa rischierebbe di compromettere ulteriormente l’economia della Corea del nord, già di per sé parecchio debole.

Dure le critiche del presidente sudcoreano Park Geun-hye: “la Corea del Nord danneggia la sua credibilità come luogo dove fare affari. Se chiuderà Kaesong nessuna azienda da nessuna parte del mondo vorrà più investire nel Paese. Deve finirla con il suo comportamento sbagliato e fare la scelta giusta per l’interesse del futuro dei coreani”.

 

14:46
09/04/2013

Si ringrazia FedericoTV

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *