Lavori al San Paolo in ritardo, il Napoli non si fida e “prenota” Palermo

Alessandro Formisano, Head of Operations del Napoli, si sofferma sui lavori di restyling dello stadio a due settimane dall’inizio del campionato

“I lavori al San Paolo sono in evidente ritardo e la situazione e’ preoccupante”. Alessandro Formisano, Head of Operations del Napoli, ai microfoni di Radio Kiss Kiss si sofferma sui lavori di restyling dello stadio a due settimane dall’inizio del campionato. “Io credo che l’opportunita’ create dalle Universiadi siano molteplici e preziose anche per riammodernare il San Paolo, ma bisognerebbe seguire un itinerario dei lavori attento e scrupoloso. Non conosco il cronoprogramma, ma di certo a giugno ci dissero che gia’ sarebbe partita la messa in opera. In realta’ pero’ a distanza di un mese e mezzo affacciarsi al San Paolo desta molta preoccupazione. Ci sono cumuli di materiali e lavori in corso. I primi lavori sono stati messi in atto solo a meta’ luglio e a oggi nessuno e’ stato in grado di risponderci su quando sara’ effettuata la rinumerazione dei sediolini. Questi sediolini dovevano essere cambiati da anni stando alle dichiarazioni del Comune. Quindi che qualcosa non stia filando liscio e’ evidente”. Formisano non esclude che per il debutto casalingo con il Milan, il Napoli debba emigrare a Palermo. “Sono lieto che l’assessore Borriello abbia detto che saremo pronti per quella gara, pero’ noi continuiamo a dover coprirci con la garanzia dello stadio di Palermo e non e’ certo una cosa piacevole ogni anno dover rifare documenti per poter essere certi di avere uno stadio in cui giocare”.

“C’e’ un contatto continuo tra la Societa’ del Napoli e le istituzioni e ci auguriamo che la convenzione possa durare e che potremmo essere tranquillizzati sulla situazione dei lavori che, ripeto, e’ preoccupante in questo momento”, ha aggiunto Formisano che poi ha anche parlato della novita’ delle amichevoli su Tim Vision: “E’ una grande opportunita’ per chi volesse seguire il Napoli, oltre che sulle piattaforme convenzionali quali Sky e Mediaset in pay per view, anche sui telefoni, i tablet e tutti i dispositivi del “mobile” ovunque ci si trovi. Ci sono anche diverse offerte su Decoder Tim e Smart Tv a 9.99 euro, mentre su tablet o pc a soli 3.99 euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *