“La sanità degli Esposito” viaggio nel cimitero delle Fontanelle

“La Sanità degli Esposito”.
La Sanità degli Esposito: l’altra faccia della camorra.
Viaggio nei luoghi del libro di Pino Imperatore.

di Anna Copertino

Un giorno tra i vicoli della Sanità, quartiere napoletano, che ha fatto da scenario al romanzo di Pino Imperatore edito dalla Giunti Editore “Benvenuti in casa Esposito”, che racconta le vicende tragicomiche di una famiglia camorrista. Una sorta di viaggio che ha avuto inizio, dall’Ossario del 1700, più conosciuto come: Cimitero delle Fontanelle, con visita guidata a cura di Massimo Rippa, dove il protagonista del libro Tonino Esposito, un camorrista “atipico”, imbranato e sfortunato, figlio del defunto boss del quartiere, si reca spesso a colloquio col teschio del Capitano, che considera come un “pater” a cui chiedere consigli ai suoi problemi familiari e di lavoro. E’ proprio dove si trova il teschio del Capitano, che lo scrittore Pino Imperatore, ha voluto omaggiare il teschio con una targa, dove è stato inciso un passo del libro. Si è poi raggiunta, la Basilica di Santa Maria della Sanità,con la visita alle Catacombe di San Gaudioso, dove la famiglia Esposito rende omaggio alla statua del Monacone, patrono del rione. Ad accoglierci nella basilica, Annalisa Corporente, dell’associazione culturale “Sott’ ‘o ponte”, ed Anna Piccolo, che ci ha guidato nelle Catacombe. Il giro ha toccato la Salita dei Principi, dove nel romanzo, risiedono gli Esposito, fino alla zona dei Cristallini, dove Tonino riscuote ogni mese , il “contributo per la sicurezza” dai commercianti a nome del capoclan. L’autore, con altri, intervenuti al giro, hanno pranzoto, nella storica Cantina del Gallo, dove nell’ottocento si sedevano a tavola i guappi del rione. Dopo pranzo, si è raggiunta l’Accademia della Sanità, dove si è presentato il libro. Ha moderato la giornalista Giuliana Covella, sono intervenuti: Massimo Rippa, consulente per la Cultura e il Turismo della III° municipalità, don Antonio Loffredo, parroco della Basilica di Santa Maria della Sanità, e Vincenzo Pirozzi, presidente dell’Associazione “Sott’ ò ponte “, e Giuliana Di Sarno, presidente della III° municipalità. Grazie al romanzo di Pino Imperatore, “Benvenuti in casa Esposito” che ha già venduto 22mila copie, si è potuto guardare con occhi diversi, in questa giornata itinerante, il quartiere della Sanità, e magari ci sarà anche un seguito alle vicende familiari di questa particolare e comica, famiglia camorrista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *