“La mammana” di Antonella Ossorio alla Book Area Healthy

di Loredana De Vita e Anna Copertino

Chissà… in cerca di una Stella o di una Lucina che indichi il cammino… dell’amore immenso oltre ogni legame ogni tempo ogni situazione… Sì, perché “La mammana” di Antonella Ossorio è soprattutto una storia d’amore. Un amore intenso, particolare, dalle mille sfumature. Un amore che nasce e rinasce e ne è segno proprio il mestiere di “dare alla luce” che la protagonista di questo interessantissimo romanzo compie ogni giorno della sua vita.

Presso la Book area di Healthy si è svolto un incontro intensissimo con Antonella Ossorio e “La mammana”… atmosfera… nascita e rinascita… segnali e segni… passione e amore… rivoluzione e rivoluzioni… luce e buio… silenzio e canto. Una storia che lascia il segno… un linguaggio che parla anche nel silenzio… una memoria che è sempre oggi…

L’autrice, accompagnata dalla giornalista Anna Copertino e dalla scrittrice Loredana De Vita, ci ha guidate in un mondo quasi magico tra eventi naturali ritenuti soprannaturali, tra scelte difficili ma consapevoli, tra personaggi difficili ma veri, tra temi essenziali che guidano le relazioni tra le persone: amore, amicizia, diversità, solitudine, vita. Tutto vissuto nello sfondo storico del Regno di Napoli e dei Borboni, della Rivoluzione e della ribellione del popolo.

Una Rivoluzione che si confronta non solo con il suo substrato storico, ma con le rivoluzioni interiori di ciascuno dei personaggi che nasce alla vita ma poi rinasce nell’autoconsapevolezza della vita stessa e, soprattutto, di ciò che si è realmente.

Anche gli animali, in questa storia, hanno uno spessore e indicano una direzione… proprio come la cometa che è all’origine della storia di Lucina e Stella e Bartolomeo, e il terremoto e, infine, l’apparizione della seconda cometa che quasi indicherà che il ciclo della vita si è infine concluso… unica la direzione, sebbene tanti i modi per comprenderla e percorrerla, l’armonia tra le creature e il creato, tra i profumi e i significati, tra il corpo e l’anima, tra la solitudine e la pace.

L’incontro ha restituito a tutti, ai relatori e al folto pubblico presente in libreria, il calore e la forza di un lavoro attento nella scrittura e vicino alle carezze del cuore.

A volte ci si può arrendere, ma poi le cose accadono e le storie si raccontano o chiedono una voce… i pensieri si rincorrono e cercano riflessioni… il nostro tempo ha bisogno di voci, di incontri, di tempo da dedicare al dialogo e alla testimonianza…Antonella è una voce.