La lotta contro l’inceneritore: autunno caldo a Giugliano?

Il passato ritorna, maledettamente ed inesorabilmente; in un territorio martoriato dalla malavita e dall’incuria, già pieno di discariche legali ed illegali, con i tassi di tumore tra i più alti d’Europa, in un comune estesissimo e con grandi potenzialità agro-turistiche, non si fa tesoro degli errori ed orrori del passato e anzi si persevera. Invece di programmare finalmente una bonifica di Giugliano e della sua immensa area territoriale, la Regione pensa di installare lì il nuovo termovalorizzatore. Ed ecco di nuovo i Comitati ed i cittadini in strada a protestare, ecco di nuovo la politica e la malapolitica chiudere gli occhi e le orecchie ed ecco anche di nuovo fare la loro triste ed inquietante apparizione i carabinieri in tenuta anti-sommossa.

Possibile che non abbiamo ancora imparato la lezione?

Possibile che cittadini impegnati e coraggiosi ed associazioni ambientaliste debbano essere trattati come criminali o terroristi?

Possibile che l’unica soluzione che si riesce a progettare è ancora il termovalorizzatore?

E il Governo delle larghe intese che fa?

E il Ministro Orlando?

Road Tv Italia non starà a guardare: le nostre telecamere saranno ancora una volta a documentare la protesta dei cittadini e a fare da sentinella contro ogni abuso e prevaricazione. Noi faremo la nostra parte: No al termovalorizzatore!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *