La lapide in memoria di Ciro Esposito non è stata rubata, ma fatta restaurare

La lapide in memoria di Ciro Esposito non è stata rubata, ma fatta restaurare

La lapide in memoria di Ciro Esposito è stata rimossa da un ragazzo che la sta ripulendo per ricollocarla dov’era, come conferma l’Associazione Ciro Vive

“La lapide in memoria di Ciro è stata rimossa da un ragazzo che la sta ripulendo per poi ricollocarla al suo posto. Vi chiediamo di stare tranquilli che tutto ritornerà a posto. Grazie anticipatamente a tutti”. E’ il messaggio scritto sulla pagina Facebook dell’Associazione Ciro Vive, che ha confermato come il monumento per Ciro Esposito non sia stata rubata.

 

Ecco il messaggio apparso sulla pagina Facebook dell’Associazione per Ciro Esposito

“Amici come sapete la Lapide in memoria di Ciro dopo essere stata imbrattata di pittura Rossa è stata rimossa e non si capiva chi fosse stato. L’amico che ci ha inviato il messaggio vocale ci ha informato chi fosse stato e quale era stata la motivazione, ma la cosa più bella è che chi l’ha rimossa è un tifoso dell’Hellas Verona per noi motivo di orgoglio e soddisfazione significa che il messaggio di Mamma Antonella e papà Giovanni arriva al cuore e sta lavorando nelle menti di tutti
Grazie a questo tifoso dell’Hellas Verona. Però voglio comunicarvi a tutti che domani la Lapide in memoria di Ciro ritornerà al suo posto grazie all’affetto immenso dell’amico Vincenzo Ruggiero che è l’ideatore della Lapide e lo scrittore della poesia….
Chiunque vive a Roma potrà vegliare che la memoria del fratello azzurro non venga più offesa, i genitori ed i fratelli già soffrono tantissimo ed anche Ciro lasciamolo almeno R.I.P.”.