La Fiorentina prende il volo: 4-1 al Siena e doppietta di Toni

I viola di Montella continuano la corsa scudetto vincendo al Franchi di Firenze per 4 reti a 1 contro un Siena irriconoscibile. Gol e lacrime per Pizarro e doppietta di Toni. A segno anche Aquilani che nel finale sbaglia un rigore.

32 punti in classifica: con la vittoria sul Siena la Fiorentina riaggancia il treno Champions dopo la mini-crisi delle scorse giornate (due pari e un k.o. nelle ultime tre gare) e si candida come minaccia e rivale delle big. Partita fin troppo facile per i viola che, nel giro di 20 minuti, mettono a ferro e fuoco la squadra di Cosmi, irriconoscibile e troppo rinunciataria. Il Siena non può far altro che subire gli attacchi di Toni e compagni, micidiali sotto porta.

Parte subito forte la Fiorentina: al 16°, dopo una costante supremazia territoriale, Toni raccoglie di testa il cross di Pasqual e supera l’incerto Pegolo, uscito male. Tre minuti dopo il brasiliano Felipe atterra in area la punta viola e l’arbitro fischia il penaty: Jovetic lascia la palla a Pizarro che segna il gol del 2-0. Per il cileno una dedica speciale alla sorella, scomparsa giorni prima. Il Siena allora tenta di reagire ma, tranne qualche tiro di Calaiò, non morde. La mazzata arriva al 45°: Aquilani, su cross di Romulo, cala il tris.

Il secondo tempo si apre con il sigillo di Reginaldo che, solo davanti a Neto, insacca per il 3-1. La partita però segue lo stesso leitmotiv iniziale e allora ci pensa Toni, nel finale, a portare a 4 le reti viola. Ci sarebbe anche gloria per Aquilani: l’ex centrocampista del Liverpool potrebbe segnare una doppietta ma, su rigore, spreca malamente alzando la parabola oltre la traversa. Pochi minuti di recupero e Tagliavento manda tutti negli spogliatoi. Risultato finale: Fiorentina batte Siena 4-1.

Il derby della Toscana sembra quasi un’amichevole per la Fiorentina: Montella, con tutta facilità, porta a casa tre punti importanti ai fini della classifica. Bene Toni, a segno con una doppietta. Pizarro, fondamentale per il modulo viola, fa girare la squadra con i ritmi e le misure adeguate. Jovetic non segna ma fa segnare: il gesto del rigore concesso dal montenegrino al cileno fa capire quanto sia importante la coesione all’interno della squadra.

Male invece il Siena: non attacca, si difende a più non posso e, anche sotto di tre reti, si concede soltanto qualche piccola sbavatura offensiva. Cosmi dovrà lavorare sodo per risalire la china.

Eduardo Desiderio

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *