sabato, Luglio 31, 2021
HomeCulturaKlimt Experience: uno spettacolo multimediale nella Basilica dello Spirito Santo

Klimt Experience: uno spettacolo multimediale nella Basilica dello Spirito Santo

Sono state altre 300 le persone che hanno preso parte al vernissage “Klimt Experience“. Uno spettacolo di musiche, colori e forme che caratterizza l’esperienza multimediale, in programma in via Toledo, all’interno della monumentale Basilica dello Spirito Santo. La mostra multimediale sarà visitabile fino al prossimo 3 febbraio 2019.

 

Klimt Experience: lo spettacolo che unisce musica, immagini digitali, oggetti fisici e realtà virtuale

Klimt Experience: uno spettacolo multimediale nella Basilica dello Spirito Santo
Klimt Experience, la mostra multimediale sarà visitabile fino al prossimo 3 febbraio 2019

Dopo il successo delle tappe di Firenze, Milano, Caserta, Roma e Shanghai, che hanno registrato un grande numero di visitatori, complessivamente oltre 600.000, lo spettacolo che unisce musica, immagini digitali, oggetti fisici e realtà virtuale arriva anche a Napoli. Klimt Experience (la mostra è stata ospitata nella Reggia di Caserta lo scorso anno) è una rappresentazione multimediale immersiva, interamente dedicata alla vita e alle opere del padre fondatore della secessione viennese.

 

Klimt Experience è un percorso multimediale e immersivo dedicato alla vita e alle opere del padre fondatore della Se-cessione Viennese che, assieme ad altri artisti, coltivò il mito dell’opera d’arte totale, della democratizzazione del bello e della creatività. La mostra è il racconto di una avventura umana e artistica, la messa in scena digitale di opere talmente celebri da essere ormai entrate a far parte della cultura popolare come “Il Bacio“, “L’Albero della vita“, “Giuditta I“, “Danae“.

Klimt Experience: uno spettacolo multimediale nella Basilica dello Spirito Santo
Gabriella Monaco
Laureata in 'Lettere Moderne', appassionata di Scrittura e Arte in ogni loro forma. Con il cuore diviso per il 33% a Napoli, il 33% in Sicilia, il 33% in Francia... L'altro 1% prima o poi dovrò decidermi a cercarlo...
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI