Juventus-Roma 3-0: la Juve è un uragano senza ostacoli

di Michele Longobardi

 

Decima vittoria consecutiva per i bianconeri, record della Roma raggiunto. Juve a +8.

La Roma esce con le ossa rotte dal big match contro la Juventus. La corazzata bianconera abbatte la Roma – la prima sconfitta per i giallorossi – e vola a +8.

La partita non è bellissima, nel primo tempo la partita cerca di farla la Roma, ma il possesso palla degli uomini di mister Garcia è sterile e non preoccupa la Juve. L’unica occasione da gol per i giallorossi è di Ljajic che si fa stoppare da Buffon e Chiellini. Al 16′ passa la Juve; Tevez difende palla, si gira e serve Vidal, il cileno non sbaglia a tu per tu con De Sanctis.

La Roma prova dalla distanza con Pjanic ma Buffon è attento per due volte. Quando la Roma gioca di prima riesce a far breccia nella trequarti juventina, ma oltre non si passa. Negli ultimi 10 minuti la Juve ha almeno tre occasioni per fare il secondo gol, ma Pogba, Tevez e Llorente sbagliano o l’ultimo passaggio o il tiro in porta.

Nel secondo tempo la partita prende senza discussioni il binario bianconero. Al 48′ Pirlo crossa da calcio piazzato, Bonucci si avventa in scivolata e raddoppia. La Juve controlla la gara, la Roma non scalfisce nemmeno per scherzo la retroguardia di Antonio Conte. Al 74′ De Rossi si fa prendere dalla frustrazione ed entra con il piede a martello su Chiellini, rosso inevitabile.

Un minuto dopo tocca a Castan impazzire, infatti tocca con la mano la palla che stava per finire sulla testa di Vucinic, pronto per il 3-0. Rosso diretto e rigore. Vucinic spiazza De Sanctis e fa 3-0. Il resto della gara è accademia. La Juve vince la sedicesima gara su diciotto andando a 49 punti, la Roma resta ferma a 41, gran bel ruolino di marcia, comunque, per la squadra di Totti.

 

5 gennaio 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *