Juventus-Inter 3-1: i bianconeri allungano sulla Roma

di Michele Longobardi

 

La partita dura 60 minuti, la Juve non lascia scampo agli uomini di Mazzarri.

Derby d’Italia atipico quello in scena allo Juventus Stadium. Sono ben 23 i punti di differenza in classifica tra le due squadre. Nei bianconeri non c’è Buffon squalificato dopo l’espulsione presa contro la Lazio, rientra invece Chiellini. Pirlo vince il ballottaggio con Marchisio, confermatissimo l’attacco formato da Tevez e Llorente. Nell’Inter c’è Palacio in avanti con Taider e Alvarez a dargli man forte. Non convocati i nuovi acquisti Osvaldo e Hernanes.

Il primo tempo comincia nel segno della Juventus, al 4′ Tevez ha una doppia occasione, ma Handanovic compie una doppia parata. Al 14′ la Juve passa in vantaggio con un lancio fantascientifico di Pirlo che imbecca Lichtsteiner, lo svizzero segna di testa in tuffo. Al 30′ Bonucci va vicino al gol del 2-0 sugli sviluppi di un corner.

Al 40′ c’è il primo tiro pericoloso dell’Inter. I nerazzurri partono in contropiede e vanno vicini al gol con Palacio che tira alto di poco. Al 41′ Handanovic risponde ad un siluro di Asamoah. Il secondo tempo comincia come era terminato il primo. La Juve trova subito il secondo gol al 47′ sugli sviluppi di un corner. Vidal tira, la palla viene sporcata da Pogba e termina sui piedi di Chiellini che non perdona.

Al 51′ Palacio tira alto su un cross dalla sinistra, al 55′ la Juve chiude il conto con Vidal che ribadisce in rete dopo una respinta di Handanovic su conclusione di Pogba. Dal 60′ in poi i bianconeri tirano il fiato e permettono all’Inter di uscire con veemenza. Al 71′ Rolando accorcia tirando in diagonale, dopo una mischia su un corner, all’85’ è Palacio ad andare vicino al secondo gol con un colpo di testa.

Al 91′ potrebbe siglare un gol beffa, per le vicissitudini di mercato, Mirko Vucinic, ma il palo dice di no. La partita termina sul risultato di 3-1 per la Juventus che ora sale a +9 sulla Roma. I giallorossi dovranno, però, recuperare la partita sospesa oggi causa pioggia contro il Parma.

 

2 febbraio 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *