JFK & La sua bella bionda. Le conseguenze dell’umore

Pezzi unici, melodie che prendono, un contatto immediato, quasi epidermico, le voci, quelle di Lelio Morra e Federica Morra, a tratti si sovrappongono, ma senza invadenza in una miscellanza che rapisce, unendosi alle chitarra elettriche ed acustiche di Gian Marco Libeccio, ed alla batteria di Fabio Caliento. Produttore artistico Ernesto Nobili

Brani suonati, suoni puri passando da chitarre, a percussioni, dal piano alla batteria ed all’ ukulele.
Dieci pezzi, tutti lati A, per parafrasare la discografia degli anni 70-80, registrato a Napoli allo studio “Il Parco“, con il missaggio di Ninni Pascale, e la masterizzazione di Bob Fix, sassofonista italoamericano (entrambi del gruppo Walahalla, con alla voce Gabriella Pascale, vincitori del San Remo rock festival nel 1987).

Lelio Morra è l’autore di tutti i testi, ed il brano, “Ci penso io” contiene un verso suggerito dal grande Mogol, in un pomeriggio trascorso con Lelio, durante il suo soggiorno al CET, l’università della musica, dopo aver vinto una borsa di studio. Presso La Feltrinelli di Napoli, la presentazione del disco Le Conseguenze dell’umore, che ha visto come moderatore il critico musicale Federico Vacalebre, che con il suo, unico, modo di recensire, così on the road, ha descritto la musicalità dei JFK, ed i loro brani ancor prima di poterlo ascoltare.
Napoli, ha ancora tanti talenti, soprattutto tra i giovani.

Le conseguenze dell’amore, da ascoltare …senza sosta !
Ai microfoni di Roadtv Italia, Lelio Morra, Federica Morra, Gian Marco Libeccio, Fabio Caliento ed il produttore Ninni Pascale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *