invasioni digitali: l'enel diventa social

Invasioni digitali: l’Enel diventa social

Con il progetto Invasioni digitali l’archivio storico Enel di Napoli apre al web e al social

“Invasioni digitali”per l’archivio storico dell’Enel di Napoli

Svolta social per l’archivio storico dell’Enel di Napoli: con l’iniziativa “Invasioni Digitali”, che opera integrando le mete culturali e artistiche come musei, archivi e centri storici, con la tecnologia 2.0 e i social network. Sabato 25 aprile dalle 9 alle 17 sarà possibile visitare l’archivio e renderlo social condividendo foto con l’apposito hashtag #archivioEnel. I linguaggi della comunicazione via web e via social si fa parte centrale dell’iniziativa: in questo modo si vuole sensibilizzare soprattutto il pubblico più giovane a scoprire e condividere la storia e la cultura utilizzando strumenti ad esso congeniali.

L’iniziativa

Saranno presenti all’evento esponenti dell‘Associazione Siti Reali, che si occupa del rilancio della cultura e delle eccellenze del meridione. Ci sarà difatti nel corso della visita un approfondimento dedicato anche alla campagna di recupero della Dogana Borbonica di San Giovanni a Teduccio, proposta dall’associazione stessa. Tramite foto e documenti storici verrà ripercorsa a tappe la storia dell’illuminazione della città.

Per partecipare all’iniziativa è necessario prenotarsi sul sito www.invasionidigitali.it, compilando un apposito modulo. Con gli hashtag #invasionidigitali oppure #digitalinvasions gli utenti potranno condividere i propri contenuti sui social rendendo multimediale l’esperienza culturale vissuta.”Crediamo che l’applicazione al settore dei beni culturali delle nuove forme di comunicazione partecipata e della multimedialità, sia da considerare una occasione irrinunciabile per garantire la trasformazione delle istituzioni culturali in piattaforme aperte di divulgazione, scambio e produzione di valore, in grado di consentire una comunicazione attiva con il proprio pubblico” recita il manifesto dell’iniziativa”invasioni digitali”, che opera su diversi livelli, con iniziative che spaziano dalle visite ai musei a quelle ai siti storici e culturali, il tutto improntato alla condivisione multimediale.