Il Paggellazzo, la pagella fatta Accazzo… di Liverpool-Napoli

IL PAGGELLAZZO: LA PAGELLA FATTA ACCAZZO!*
*Versione emigrante depresso

Liverpool-Napoli 1-0
Prima squadra ad uscire con 12 punti, prima squadra ad uscire con una sola sconfitta ai gironi. Stiamo facendo la storia di questa competezione.

Ospina: La prima cacata della stagione nel momento meno opportuno, ma si riscatta almeno in tre occasioni che evitano la debacle. 6
Maksimovic: Gioca con la stessa naturalezza con la quale io parlo dialetto parmigiano. 5,5
Albiol: Eroico e commovente. Uno dei veri leader di questa squadra. 6,5
Koulibaly: Con Albiol forma realmente una delle migliore coppie di centrali d’Europa ed anche ieri lo ha dimostrato. Ti prego, non te ne andare in estate! 6,5
Mario Rui: Il giudizio non ha passato il vaglio della censura, mi dispiace per i lettori. 4
Allan: Sfiatato come un Supersantos fermo nello sgabuzzino da almeno due anni. 5,5
Hamsik: Vene meno dint’ ‘e cuseture, rialza la cresta forse quando è già troppo tardi. 5
Callejon: Dieci secondi prima della sua occasione avevo baciato il corno che porto al braccialetto. Forse è ‘o caso ca ‘o faccio vedè stu cuorno. 5
Fabian Ruiz: ‘O guaglione è piccerillo, ce posta. E comunque non lo avrei sostituito. 6
Insigne: Niente tiriaggiri, niente assist, niente tiri, niente popio. 5,5
Mertens: Condizionato dall’intervento killer di Van Dijk (dicemme accussì ca pare chiù bello). 5

Zielinski: Secondo me Klopp nun ‘o vo’ chiù. 5,5
Ghoulam: Vabbuò mo nun è ca puteva fa chissà quale miracolo. 5,5
Milik: Dopo Donnarumma, Alisson e ritorna l’incubo del gol negato nel recupero. Però è uno dei pochi a salvarsi. 6

Ancelotti: Fare gli applausi a questo Napoli è doveroso, nonostante l’amarezza dell’eleminazione (tant’è che se avessi potuto me la sarei presa di malattia oggi a lavoro). Nonostante ciò, è mancato ancora una volta quel passettino in più per farci spiccare il volo, sintomo che il nostro Re di Coppe deve lavorarci su questa squadra (ma i risultati si vedranno). Ora, visto che a meno di clamorosi ribaltoni in campionato, concentriamoci sull’Europa League, che è alla nostra portata. Continuiamo a coltivare il sogno europeo! 6

Pasqua, il bancario triste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *