Il Napoli si butta via allo scadere. Nainggolan regala lo scudetto alla Juve e riapre la corsa Champions

Il Napoli si butta via allo scadere. Nainggolan regala lo scudetto alla Juve e riapre la corsa Champions

La rete allo scadere del belga consente ai bianconeri di vincere matematicamente il titolo e accorcia a 2 i punti di distanza tra Napoli e Roma

Roma-Napoli finisce nel modo peggiore possibile. Con una sconfitta all’ultimo minuto per gli azzurri che riapre, a tre giornate dalla fine, il discorso Champions. La rete di Nainggolan, a un minuto dal novantesimo, porta i giallorossi a due sole lunghezze dai partenopei, con il vantaggio degli scontri diretti visto anche lo 0-0 dell’andata). Alla formazione di Sarri tanti rimpianti e la consapevolezza di dover fare qualcosa in più in questi ultimi 270′ per meritarsi la qualificazione diretta alla prossima massima competizione europea per club.

Si perché anche oggi, nonostante una partita che Higuain e compagni avrebbero dovuto e potuto vincere, la sindrome del braccino corto che aveva colpito anche a Torino contro la Juventus, bianconeri matematicamente campioni d’Italia per la quinta volta consecutiva, è tornata a farsi sentire. L’incapacità di gestire un risultato come solo le grandi squadre sanno fare. Alla Roma è bastato l’unico tiro in porta in 90′ per avere la meglio sui partenopei che, di contro, di occasioni ne hanno avute, con lo stesso Pipita, ma anche con Hamsik, Mertens, il belga partito dal primo minuto in favore di Insigne, e Jorginho.

E allora, adesso, Atalanta e Frosinone in casa, Torino in trasferta, saranno i tre banchi di prova durante i quali difendere a spada tratta quei due punti di vantaggio, per salvare una stagione in cui dal sogno scudetto, l’idea di scivolare al terzo posto, dovendo passare di nuovo per i Preliminari, sarebbe un vero e proprio incubo.