martedì, Giugno 15, 2021
HomeCostume e SocietàIl dott. Carlo Mele e la Scienza Quantico-Mentale

Il dott. Carlo Mele e la Scienza Quantico-Mentale

Mercoledì 8 giugno si è tenuto, Cagliari, l’ultimo incontro di questa stagione, prima della pausa estiva, di ‘Laboratorio di Scienza Quantico-Mentale’, che ha toccato anche la Campania con tappa fatta a Portici. Ieri, invece, Mercoledì 18 giugno, a Napoli, si è tenuto il WORKSHOP: TRASMUTAZIONE QUANTICA E GENETICA MENTALE – RIMODULARE LA PROPRIA REALTÀ VERSO LA SALUTE, L’ AUTO AFFERMAZIONE E IL BENESSERE FISICO, MENTALE ED ECONOMICO -.

Nel workshop si è raccolto il trentennale lavoro di ricerca e sperimentazione nel campo delle alte energie mentali e della loro interazione con il Sistema Corpo – Mente – Realtà. Alla base di gran parte delle nostre presunte impossibilità fisiche, psichiche ed esistenziali, vi è un diniego mentale di fondo, che spesso è di origine genetica. Un programma inconsapevole insito nel DNA, che ha le sue radici nella memoria atavica e ci condiziona la vita.

Tale programma può essere disattivato facilmente e rapidamente, tramite la creazione di un forte campo quantico d’alta frequenza mentale ed un congruo contro messaggio mentale correttivo. Nel workshop è stato spiegato quali sono questi meccanismi responsabili delle difficoltà che incontriamo nelle nostre vite e come fare per neutralizzarli, creando la qualità di vita che desideriamo.

Ma cosa tratta la Scienza Quantico-Mentale e chi è il padre di tale teoria? Il padre della SCIENZA QUANTICO – MENTALE è appunto il dott. Carlo Mele. Nella Scienza Quantico-Mentale si esalta l’origine mentale e la natura coscienziale di tutte le dimensioni dell’universo, e quindi anche di quella materiale nella quale siamo immersi.

Ogni manifestazione quantistica multidimensionale, come anche ogni evento della sfera fisica è figlio di un campo di energia e di una forza mentale, dunque di una volontà. Nulla si muove a caso nell’universo: anche una legge è una volontà operante.

La terza dimensione ha una caratura doppia, caratterizzata in particolare dallo scontro tra materia e antimateria, forze di luce e forze oscure. Questa natura conflittuale si ripropone anche all’interno del nostro sistema psichico, ove è causa di sofferenza. La distruttività è una forza insita nella natura anti-materiale, e si esalta in particolare nella forza oscura. Micro- e macrocosmo sono interessati da medesime dinamiche.

Un processo di amplificazione subconscia di emozioni disturbanti comporta, nel profondo di noi, l’accumulo di cariche anche abnormi a valenza distruttiva, ciò che chiamiamo abitualmente “stress”. Queste si scaricano puntualmente sul corpo, per contiguità tra psiche e soma, complici spesso una qualche predisposizione genetica o anche fattori concausali di tipo microbiologico, tossico o radioattivo, generando malattia.

La malattia resta tuttavia una illusione dell’uomo, nella quale il soggetto incanala le sue energie psichiche e vitali in direzioni distruttive, per tentare di difendersi dalle sue impotenze esistenziali. L’impotenza umana affonda le radici nel mancato sviluppo e nella mancata valorizzazione delle più alte potenzialità supercoscienti dell’essere (campo quantico – mentale o di alta frequenza), complice una falsa cultura di sistema che tende a valorizzare ciò che c’è all’esterno, anziché dare priorità a ciò che alita all’interno di noi. E’ diretta conseguenza, poi, proiettare le proprie energie di alta frequenza nella realtà del quotidiano, ricavandone il meglio che desideriamo per noi stessi e per gli altri (costruttività vera e propria), come anche trovare potenza, equilibrio e pace nella mente.

Ma a tutto ciò fa da contraltare proprio quella carica di distruttività che ci portiamo dentro nel subconscio, un ciarpame di tare genetiche, di imprinting educativo e traumatico, sedimentatosi nel corso della nostra vita, dal quale dobbiamo assolutamente ripulirci.

Bio dott. Carlo Mele

Il dott. Mele nasce a Roma nel 1955. Dopo la laurea in medicina (Bari 1981), egli si accorge che la pratica medica della tradizione è troppo organicista e burocratica, e diserta le profonde tematiche dell’animo dell’uomo. Così egli è presto alla ricerca di un qualche modello alternativo, guardando con interesse intanto all’ipnosi (CID-CNV Roma 1985-86), ed in seguito ai più tradizionali studi di psicoterapia analitica freudiana (ARIRI Bari 1989-1993). Questi modelli tuttavia non soddisfano il ricercatore, che cerca più a fondo nelle cause della sofferenza umana, e nelle possibilità di soluzione della patologia, specie di quella notoriamente resistente o considerata proprio inguaribile.

Un evento straordinario viene intanto in suo soccorso, aprendogli le porte a verità assolutamente fuori dagli schemi, quindi ignorate dalla scienza medica ufficiale: da questo momento avrà inizio un percorso di ricerca personale, doloroso in quanto solitario e condotto ai margini del mondo accademico ufficiale, e che esiterà in una esperienza ascetica, vissuta in terra d’Umbria, decisamente formativa (1993-994). Dopo solo un anno di questa esperienza trasmutante, apparirà chiaro al ricercatore come sia dato a chiunque di poter sviluppare con metodo campi d’energia mentale, e di poterli incanalare a scopo guaritivo nel sistema corpo-psiche, o esploderli in una più ampia espansione personale di coscienza.

E’ da qui che prende le mosse la sua originale SCIENZA QUANTICO-MENTALE.

Dal 1994 Carlo Mele è impegnato nella divulgazione teorica e pratica dei risultati delle sue scoperte, attraverso seminari, conferenze e trasmissioni tv. Di rilievo la sua presenza su RAI1 nel maggio del 2005, ospite nella trasmissione di Daniela Rosati dal titolo “Tutto-benessere”.

Egli è inoltre autore di diversi saggi di pensiero, ma anche di accattivanti opere di narrativa.

Link web utili:

Libri

Pagine facebook: Laboratorio di Scienza Quantico MentaleCarlo Mele Lab

 

 

Il dott. Carlo Mele e la Scienza Quantico-Mentale
Anna Copertino
Napoletana Doc, classe 66. Giornalista. Amo i colori della musica ed il profumo dei libri. Cuore pulsante di Road Tv Italia, in cui mi lancio prima per volontà "fraterna" poi mia. Mi "sporco le mani nel modo giusto", scrivendo di legalità.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI