Il 18 giugno c’è un record da battere al porto di Santa Caterina (Lecce)

A cura di OCEANUS onlus

Paolo De Vizzi, 36 anni, socio Oceanus onlus, una passione smisurata per il mare che lo ha spinto a voler tentare il prossimo 18 giugno, di battere un record di immersione in profondità.

Paolo prima di indossare la sua muta è una persona che definiremo “diversamente abile”, ma una volta in acqua, dove la forza di gravità cede spazio alla passione, è semplicemente un subacqueo appassionato che da un po’ di tempo si è messo in testa di voler battere il record mondiale di immersione in profondità detenuta da un altro sportivo diversamente abile con – 59 metri

<<Cercherò di superare tale profondità con la presenza di giudici qualificati>> rassicura Paolo e continua
<<Faccio questo Guinnes per me stesso, per superare quelle barriere che la vita ci impone e ci costringe ad essere diversi, voglio essere di esempio a tutte quelle persone che sono diversamente abili e dirgli che se vogliamo possiamo raggiungere i nostri obiettivi, basta avere testa e forza di volontà. Mi alleno quasi tutti i giorni e sono pronto per battere il record!>>

L’appuntamento è il 18 giugno, al porto di Santa Caterina (Le), dalle 9 del mattino.

Chi vorrà seguire l’impresa di Paolo, troverà a disposizione delle barche per seguirlo direttamente in mare.

Sono molte le presenze già assicurate fra tv nazionali e regionali, le motovedette della guardia costiera, la polizia, i carabinieri, la guardia di finanza e il 118.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *